Ingressi consentiti in Serbia da venerdì 22 maggio; no al test e all’autoisolamento

Da venerdì 22 maggio non sarà necessario un test negativo al COVID per entrare in Serbia, né un permesso speciale per i cittadini e gli stranieri. Tutte le persone che entrano in Serbia riceveranno le dovute avvertenze sanitarie sul fatto che stanno entrando in un territorio in cui il virus è ancora in circolazione, nonché i modi per prevenire l’infezione; è la richiesta dello staff di crisi che si è riunito ieri, e che dovrebbe essere ratificata dal governo giovedì.

Lo stesso organo ha formulato una raccomandazione per l’apertura di un passaggio amministrativo verso il Kosovo e Metohija.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

I test per il coronavirus, su richiesta personale e volontaria di cittadini serbi e cittadini stranieri, dovrebbero costare 6.000 dinari per tutta la Serbia. Gli stessi sono ancora gratuiti per studenti e minori.

Tenendo presente l’attuale situazione epidemiologica, è stato deciso che alcune istituzioni sanitarie torneranno gradualmente alle normali funzioni. In queste istituzioni, tutti gli operatori sanitari saranno testati e inizieranno a lavorare solo dopo la negatività accertata.

Il Centro clinico di Nis (nuovo edificio) ritornerà alla sua routine da venerdì, mentre l’Istituto per le malattie ortopediche e cliniche “Banjica” da lunedì 25 maggio.

Lo staff di crisi sottolinea che non sono mai state prese in considerazione delle sanzioni per chi non indossa le maschere all’aperto e che non è prevista l’introduzione di tali misure; si fa appello a tutti i cittadini affinché si comportino in modo responsabile verso se stessi e gli altri perché l’epidemia non è ancora finita.

“L’attività del virus si è notevolmente indebolita, ma è necessario che tutti continuiamo ad aderire alle misure epidemiologiche di base, come indossare maschere, disinfettare regolarmente le mani e mantenere la distanza sociale, al fine di combattere con successo il coronavirus”, si legge in una nota.

Alcuni istituti di sanità pubblica in Serbia hanno già pubblicato i listini prezzi dei test per il coronavirus, su richiesta personale; i prezzi variano da 6.000 dinari a oltre 8.000 dinari.

http://rs.n1info.com/Vesti/a601168/Blic-Krizni-stab-predlaze-da-se-ukine-testiranje-za-ulazak-u-Srbiju.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in autoisolamento, COVID, ingresso, Serbia
Dal 1° giugno apertura delle frontiere, nessuna quarantena tra Bulgaria e Serbia; in Grecia dal 15 giugno

Ancora instabile la situazione epidemiologica in Serbia

Close