Infrastrutture: nuova linfa agli investimenti cinesi in Serbia

La Cina prevede di aumentare i propri investimenti in Serbia, in particolare quelli nel settore delle infrastrutture, nonché la cooperazione tra le PMI dei due paesi nei settori del commercio e del turismo.

Per attuare questi piani, le autorità cinesi stanno collaborando intensamente, e l’Istituto per la Politica e l’Economia Internazionale è stato istituito come centro regionale del Balcani occidentali per l’attuazione dei progetti relativi all’iniziativa cinese 16 + 1 a luglio, spiega Ivona Ladjevac, direttrice dell’Istituto.

“L’Istituto, noto anche come Centro per l’iniziativa One Belt, One Road, ha come obiettivo quello di suggerire agli imprenditori cinesi i segmenti di business in cui possono investire e le modalità di connessione con quanti più uomini d’affari serbi possibile, soprattutto quelli del settore delle PMI”, aggiunge.

Alcuni giorni fa l’Istituto ha incontrato il Centro Sviluppo del Consiglio di Stato cinese, incaricato di decidere gli investimenti cinesi all’estero. “Abbiamo suggerito la creazione di una rete che collegherebbe le loro e le nostre PMI che, a loro volta, avrebbe come conseguenza la formazione di consorzi aziendali”, informa Ladjevac.

Allo stesso tempo, l’Istituto ha presentato alle autorità cinesi alcuni vantaggi che la Serbia ha rispetto ad altri paesi, come l’adesione a CEFTA e un accordo di libero scambio con la Russia.

Ladjevac ricorda che il paese è uno dei più attivi in termini di cooperazione con la Cina e che la Cina ha investito fondi sostanziali nel settore dell’infrastruttura e dell’energia in Serbia.

“È un fatto ben noto che i cinesi hanno affittato il porto del Pireo e che stanno attualmente negoziando lo stesso accordo con il porto di Salonicco. Se questo dovesse accadere, costruire una ferrovia veloce attraverso la Serbia per collegare queste porte a Budapest sarebbe di importanza fondamentale affinché le merci cinesi possano raggiungere l’Europa occidentale e orientale più velocemente”, sottolinea Ladjevac.

Ricorda inoltre che le aziende cinesi hanno espresso un forte interesse per l’acquisizione di RTB Bor.

(SEEBiz, 08.10.2017)

http://rs.seebiz.eu/kina-pojacava-investicije-u-srpsku-infrastrukturu-trgovinu-i-turizam/ar-163750/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Cina, infrastrutture
ferrovia
Ammodernamento ferrovia Belgrado-Nis: russi e cinesi interessati

Alibaba
Alibaba pianifica l’apertura di un centro logistico in Serbia

Close