Inflazione e salari – la gara in cui i prezzi al galoppo sono gli unici vincitori

Secondo le statistiche ufficiali, lo stipendio medio netto in Serbia a gennaio è stato di 82.769 dinari.

Si tratta di un calo dello 0,7% rispetto a dicembre, ma secondo gli esperti è normale a causa della stagionalità dei salari a dicembre e gennaio.

L’economista Saša Đogović sottolinea che gennaio e dicembre non sono proprio mesi medi per quanto riguarda gli stipendi. “Gli anticipi e i bonus vengono solitamente pagati a dicembre, cioè durante le festività natalizie, il che gonfia i dati statistici sul salario medio. L’opposto è vero per gennaio. Poi viene febbraio, con meno giorni lavorativi, e marzo, che è il primo mese di quest’anno che potrebbe essere preso come esempio realistico di stipendio medio”, sottolinea Đogović. Tuttavia, secondo i dati statistici ufficiali, lo stipendio medio netto di gennaio è stato del 16,7% superiore a quello del gennaio dell’anno scorso. Allo stesso tempo, in termini reali, escludendo i dati sull’inflazione, lo stipendio medio di gennaio di quest’anno rispetto a quello dello scorso anno è aumentato solo dello 0,8%.

Anche se lo stipendio di 82.769 dinari sembra sostanzioso, il suo valore reale è meno impressionante. Secondo una ricerca della ricerca Monitor Trimestrale, una pubblicazione macroeconomica specializzata, l’anno scorso i guadagni reali in euro sono aumentati del 13,9%, e rispetto ai dati dell’inflazione solo dell’1,7%.

Negli ultimi dieci anni, il salario medio, espresso in euro, è aumentato del 74%, ma il potere d’acquisto è cresciuto solo del 28%.

Il professore della Facoltà di Economia, Milojko Arsić, prevede che quest’anno l’inflazione media si attesterà su un livello simile a quello dell’anno scorso, intorno all’11,9%, ma che diminuirà verso la fine dell’anno. Egli osserva inoltre che il salario medio non è esattamente il miglior indicatore del tenore di vita della popolazione, perché un numero consistente di lavoratori percepisce uno stipendio inferiore alla media.

Per questo motivo, come indicatore reale della situazione si utilizza spesso il salario mediano, che a gennaio ammontava a 62.964 dinari o 536,5 euro.

(Danas, 28.03.2023)

https://www.danas.rs/vesti/ekonomija/inflacija-i-plate-trka-u-kojoj-pobedjuju-cene/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top