Indetto un referendum sull’elezione di giudici e pubblici ministeri il 16 gennaio

Ieri, il presidente dell’Assemblea della Serbia, Ivica Dačić, ha annunciato un referendum sulla modifica della Costituzione serba per il 16 gennaio. Il referendum riguarderà l’elezione di giudici e pubblici ministeri, e non sarà legato al Kosovo e Metohija.

Ivica Dačić ha sottolineato che la modifica della Costituzione riguarda solo la sezione relativa all’elezione di giudici e pubblici ministeri e non ha nulla a che fare con il preambolo sul Kosovo e Metohija. “Crediamo che sia nell’interesse della Serbia confermare la decisione del parlamento; sarà un grande passo in avanti sulla strada europea e sulle riforme fatte in tutti questi anni”, ha detto Dacic.

La modifica della costituzione e il referendum riguardano, come ha sottolineato, solo lo stato di diritto e la giustizia. Dacic ha invitato tutti i cittadini a votare. “La nostra posizione è del tutto chiara sul fatto che il Kosovo e Metohija è parte integrante della Serbia. Il referendum non ha nulla a che fare con varie questioni che sono state politicizzate ultimamente e utilizzate per brutali violazioni della legge e della Costituzione, e riguardano posti di blocco o attacchi a ‘dissidenti”.

Ha sottolineato che non esiste un vincitore nei referendum perché non è un’elezione, ma vuole che si faccia tutto ciò che è nell’interesse della Serbia. Il 16 gennaio i cittadini risponderanno SI o NO alla domanda “Sei favorevole alla conferma dell’atto di modifica della Costituzione della Repubblica di Serbia?”.

Dacic ha sottolineato che la Serbia ha ricevuto due volte un parere positivo dalla Commissione di Venezia in merito alle proposte sulle modifiche costituzionali. Il politico ha indetto il referendum sulla conferma della legge sulla modifica della Costituzione dopo la fine della sessione speciale del Parlamento, in cui il progetto di legge sulla modifica della costituzione della Serbia, il progetto di legge costituzionale per l’attuazione di tale atto e il progetto di decisione sulla convocazione del referendum erano stati adottati.

Le modifiche riguarderanno i tribunali e le procure, per cui la Serbia si è impegnata nel processo di integrazione europea, e non si riferiscono al preambolo che afferma che il Kosovo e Metohija è parte integrante della Serbia.

https://rtv.rs/sr_lat/politika/raspisan-referendum-o-promeni-ustava-srbije-za-16.-januar;-dacic-referendum-o-izboru-sudija-i-tuzilaca-ne-o-kosovu-i-metohiju_1293057.html

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top