Incentivi per investimenti esteri al vaglio dell’opposizione parlamentare

Nel corso del pomeriggio di ieri i deputati serbi hanno discusso gli emendamenti al disegno di Legge di Bilancio per il 2017, ponendo l’accento soprattutto sulla parte relativa agli incentivi per investimenti esteri.

Alcuni deputati membri dei partiti di opposizione ritengono che questa parte risulti poco trasparente e l’importo degli incentivi troppo elevato.

I deputati del Partito progressista serbo (SNS) hanno respinto tali affermazioni, così come ha fatto il Ministro dell’Economia Goran Knezevic, il quale ha dichiarato che la Legge di Bilancio 2017 riporta l’elenco degli investitori che possono beneficiare di incentivi e che l’importo della sovvenzione per ciascuno di essi può essere consultato sul sito del Ministero delle di Finanza.

In precedenza, il leader di Dveri in parlamento, Bosko Obradovic, aveva dichiarato che, a fronte degli 11 miliardi di dinari di sussidi previsti per gli investitori stranieri, l’economia serba rischia di ritrovarsi in pessime condizioni soprattutto in quei segmenti economici in cui gli investitori nazionali potrebbero fare un lavoro altrettanto dignitioso quanto quelli stranieri.

Obradovic ha anche messo in guardia circa la possibilità che gli investitori stranieri, a seguito della concessione della sovvenzione, riportino false perdite alla fine dell’anno, evitando così di versare le tasse allo stato della Serbia. Il leader di Dosta je bilo (DJB), Sasa Radulovic, ha sottolineato che lo stabilimento Fiat di Kragujevac è stato uno dei destinatari di sovvenzioni, e ha chiesto ai ministri delucidazioni su quanto previsto dall’accordo tra le casse statali e la fabbrica automobilistica. Infine il leader del Partito Democratico (DS), Goran Ciric, ha suggerito che una parte del denaro destinato ai sussidi deve essere re-indirizzata verso servizi di pubblica utilità e assistenza e verso il supporto finanziario ai giovani di maggior talento.

(Blic, 08.12.2016)

http://www.blic.rs/vesti/ekonomija/skupstina-srbije-poslanici-o-subvenicijama-stranim-ivnestitorima/j42kpkx

Un piccolo favore

Dal 2013 il Serbian Monitor offre gratuitamente ai suoi lettori una selezione accurata delle notizie sulla Repubblica di Serbia, un impegno quotidiano che nasce dal genuino desiderio di offrire un'informazione senza distorsioni su un paese troppo spesso vittima di pregiudizi e superficialità. Da novembre 2016 questo servizio viene proposto in inglese e in italiano, con sempre più articoli originali per offrire un quadro completo sull'economia, la politica, la cultura e la società del paese balcanico. Il nostro archivio è completamente gratuito, a disposizione di chiunque voglia conoscere il paese, studiarne specifici aspetti o esserne costantemente aggiornato. Questo progetto potrà proseguire solo grazie all'aiuto dei lettori, cui chiediamo un piccolo sostegno economico per continuare a garantire un'informazione sempre più ricca di contributi originali. Se apprezzate il nostro lavoro vi invitiamo a cliccare il tasto qui sotto

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Leggi articolo precedente:
Jelena Milic tra i 28 eletti di Politico Europe

Voto anticipato: solo il 21% dei serbi è d’accordo

Chiudi