In Serbia si producono alimenti OGM nonostante i divieti?

In Serbia, secondo la legge sugli organismi geneticamente modificati, la produzione e gli alimenti geneticamente modificati sono proibiti.

Tuttavia, gli esperti, riportano i media, avvertono che questi prodotti probabilmente si possano trovare sui nostri tavoli, in quanto si tratta ti prodotti OGM di origine straniera.

Il Ministero dell’Agricoltura ha dichiarato di non voler rispondere al testo pubblicato dal giornale “Vecernje novosti”, secondo cui ogni giorno i cittadini serbi mangiano prodotti OGM importati, perché il Ministero afferma che la legge esiste e viene applicata.

Gordana Surlan Momirovic, genetista e professoressa della Facoltà Agraria, in un intervista alla TV Prva, ha dichiarato di non ritenere affatto allarmante la situazione e che i serbi non mangiano ogi giorno cibi OGM, in quanto queste affermazioni soo date da persone a cui piace essere al centro dell’attenzione e che cercano l’attenzione dei media. La professoressa ricorda che in Serbia, per legge, l’uso di alimenti OGM non è consentito, anche se la nocività di tali alimenti non è stata dimostrata.

“Di cibo OGM in Serbia ce n’è solo a tracce. È consentito utilizzare per l’alimentazione del bestiame una miscela di soia contenente lo 0,9% di soia OGM. Dunque questa soia non la mangiamo noi, ma la mangia il bestiame. Noi mangiamo la carne, per cui l’introduzione non è diretta, non è più un maiale che ha mangiato la soia OGM. Esiste in Serbia una percentuale molto piccola di terreno dove si produce la soia OGM. Tutte queste storie hanno un unico scopo, ovvero quello di creare panico tra i cittadini”, dice la Momirovic e aggiunge che anche se mangiassimo cibi OGM non accadrebbe nulla, perché questi prodotti non sono né cancerogeni né dannosi.

Cvijan Mekic, professore presso la Facoltà di Agraria, afferma che il problema del cibo OGM sta principalmente nella produzione di colture.

“La bioingegneria è stata coinvolta nella mappatura dei geni più desiderabili in una pianta, ad esempio aumentare la resa o la resistenza alla siccità. Il problema più grande è la soia OGM, ovvero gli antibiotici che vengono utilizzati nella sua produzione per farla diventare resistente al trattamento con erbicidi”, afferma Mekic.

Il professor Mekic sottolinea che esiste uno studio sugli effetti negativi degli alimenti OGM. Si stima che oltre il 60% del cibo in America contenga un certo livello di OGM.

D’altra parte, la professoressa Surlan Momirovic dice che la gente sta ingannando il popolo serbo riguardo la tossicità degli alimenti OGM, così com che esiste una lobby anti OGM, che è fortemente contraria all’uso di alimenti OGM, perché siamo un popolo conservatore.

“La dichiarazione che in Serbia si mangia ogni giorno cibo OGM è solo una dichiarazione politica. Molti dei miei colleghi che sono a conoscenza che questi prodotti non sono pericoloso, sono comunque contrari agli OGM perché anno parte di determinati partiti politici. Non diciamoci bugie, per favore. Gli americani non sono grassia causa degli OGM, ma a causa dei junk food”, conclude la Surlan Momirovic.

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top