In Serbia salario minimo e paghe tra i più bassi della regione

Con il nuovo prezzo minimo del lavoro annunciato per il 2021 di circa 32 mila dinari, la Serbia non ha cambiato il suo mediocre e triste posto tra i Paesi della regione. Secondo il testo che confronta i salari più bassi nella regione, pubblicato sul sito web di “UGS Nezavisnost”, un dipendente su sei in Serbia riceve il salario minimo, addirittura la stessa percentuale solo il 10% in più, mentre fino al 60% dei lavoratori è sotto lo stipendio medio.

Il governo della Serbia, pur senza mandato, lo ha tagliato in modo che non fosse né zero (fino al 4%) come proposto dai datori di lavoro, né il 12% (fino al 15) su proposta del sindacato, ma circa il 6,6%. Nonostante tutte le storie sulla crescita economica senza precedenti nella regione e sui meridiani europei e persino mondiali, la Serbia si trova in un ambiente regionale povero, almeno quando si tratta del prezzo minimo del lavoro.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Nella regione, ovviamente, la Slovenia è in testa, con un salario minimo di 940,58 euro. Sembra strano che lo stipendio medio in Slovenia sia superiore al minimo solo di circa 300 euro, o poco più di un quarto, ma diventa logico quando solo il 4% dei dipendenti nel Paese riceve il minimo. In Slovenia, il salario minimo viene regolarmente adeguato, analogamente ad altri, in linea con il costo della vita e la crescita del PIL (ad eccezione del Montenegro).

In Croazia, lo stipendio garantito più basso oggi è di poco superiore ai 400 euro. Quest’anno il minimo di 3.250 kune è percepito da meno del 3% dei dipendenti, ma lo stipendio medio, secondo altri indicatori economici, è più del doppio e ammonta a circa 850 euro.

Il Montenegro ha uno stipendio medio più alto che in Serbia, circa 520 euro, ma il minimo è più basso, e dal 2018 si aggira intorno ai 220 euro.

In Bosnia-Erzegovina, il salario medio e minimo è simile a quello della Serbia, sebbene le entità determinino indipendentemente il valore del salario minimo.

La Macedonia del Nord è in coda con uno stipendio medio di circa 420 euro, e a quasi la metà ammonta il salario minimo di 234 euro, che viene propagandisticamente ricevuto per due mesi da tutti i funzionari statali al fine di mostrare solidarietà ai lavoratori in difficoltà.

Se confrontiamo le persone con il reddito più basso, in Serbia lo scorso anno, così come oggi, su 2,16 milioni di dipendenti, 350.000 lavoratori erano nella zona del salario minimo, in Slovenia circa il 3,7% del totale di 885.700 (è simile ora) e in Croazia solo il 2,25% dei dipendenti. La BiH, Macedonia e Montenegro hanno statistiche peggiori della Serbia. In BiH, il numero totale di dipendenti è di 820.000 e quasi un lavoratore su tre riceve un minimo di poco più di 210 euro, così come in Montenegro (28%). In Macedonia sono garantiti 26.000 dinari (220 euro) per circa 70.000 lavoratori su un totale di 247.200 (28%).

Ma quanto vale davvero il minimo salariale? in Serbia non raggiunge nemmeno un paniere di consumo ridotto con cui nessuno può sopravvivere, mentre il paniere medio richiederebbe 2,4 salari minimi. Il suo valore è simile in Montenegro, dove sono necessari tre salari minimi, in Croazia due (il paniere dei consumatori pesa 895 euro al mese). Tuttavia, i croati, così come gli sloveni, non sanno cosa sia la riduzione del paniere di consumo. In BiH, invece per una famiglia di quattro persone occorrono più di tre salari minimi per riempire il paniere.

https://www.danas.rs/ekonomija/najnize-cene-rada-u-zemljama-regiona-srbija-u-zalosnoj-sredini/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in paniere di consumo, salario minimo, Serbia
stipendi
I sindacati chiedono un salario minimo più alto a Belgrado

fiat
La Fiat annuncia uno sviluppo della produzione negli stabilimenti in Serbia e Turchia

Close