In Serbia più di due milioni di cittadini a rischio povertà o esclusione sociale

“In Serbia, più di due milioni di cittadini sono a rischio povertà o esclusione sociale e circa mezzo milione vivono in povertà assoluta perché non hanno soldi per i bisogni esistenziali, ma un numero decrescente di persone vulnerabili gode di protezione sociale ogni anno”, ha affermato la ricercatrice presso la “Fondacija Centar za demokratiju”, Sarita Bradas.

Commentando la legge sulle “social card”, entrata in vigore ieri, ha detto a “Beta” che 226.897 cittadini hanno ricevuto assistenza sociale nel 2019, il 10% in meno rispetto al 2012. Ha aggiunto che il numero di beneficiari di assegni per i bambini rispetto al 2012 è stato ridotto del 28% e che 226.289 bambini lo ricevono.

“Invece di adottare documenti che istituiscano un sistema di protezione sociale in modo che ogni persona che ne ha bisogno abbia diritto all’assistenza sociale per consentirle non solo la protezione dalla povertà e dall’esclusione sociale, ma anche una vita dignitosa, il parlamento serbo ha adottato la legge sulle “Social card” che non è una via d’uscita dalla povertà”, ha detto Bradas.

Obiettivo dell’approvazione della legge sulle “Social card” è, come dichiarato nelle spiegazioni del Ministero del Lavoro, l’esistenza di un registro unico e centralizzato, in formato elettronico, contenente dati accurati e aggiornati sullo status socioeconomico per un esercizio più efficiente dei diritti e dei servizi, della protezione sociale e della distribuzione più equa dell’assistenza sociale.

L’adozione della legge sulle “Social card” prima dei cambiamenti nel sistema di protezione sociale sarebbe, come ha detto la Bradas, comprensibile se mirasse a determinare quali individui e famiglie sono in pericolo per consentire il riconoscimento dei loro diritti da includere nei programmi di sostegno.

I dati sulla partecipazione dei poveri sulla popolazione totale, tuttavia, come ha detto, indicano un “alto errore di esclusione, cioè che la maggior parte dei poveri non ha accesso all’assistenza sociale”. Invece di aumentare, il numero di utenti dell’assistenza sociale finanziaria sta diminuendo, quindi nel 2019 ammontava solo al 3,1% della popolazione totale.

I dati sulla scarsa copertura e sull’inadeguatezza delle prestazioni sociali in denaro, secondo l’esperta, dovrebbero essere un segnale per i responsabili che è necessario adottare delle misure per cambiare la situazione e raccogliere dati aggiornati non solo sui beneficiari dei programmi di assistenza sociale, ma anche sulla popolazione in generale.

“U Srbiji pola miliona apsolutno siromašnih, a smanjuje se socijalna pomoć”

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... esclusione sociale, Fondacija Centar za demokratiju, povertà
La regione potrà essere sull’orlo della povertà a causa della pandemia

Stefanovic (SSP): “Il governo con le sovvenzioni all’impianto “Rauch” aumenta la povertà in Serbia”

Chiudi