In Serbia oltre il 40% delle donne è escluso dal mercato del lavoro

Le donne sono molto più svantaggiate rispetto agli uomini che lavorano e ben il 40% di loro è fuori dal mercato del lavoro, una percentuale molto più alta che nell’Unione Europea; sono le stime fornite da Svetlana Cerovic, membro dell’Associazione “Žene na prekretnici”.

In occasione di una conferenza organizzata in occasione della pubblicazione del documento “Zatvaranje kruga: položaj žena na tržištu rada na početku i kraju karijere”, (la posizione delle donne nel mercato del lavoro all’inizio e alla fine della carriera) la Cerovic ha dichiarato che la pubblicazione contiene analisi comparative sulla posizione nel mercato del lavoro di donne e uomini sui 45 anni.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

“Quando raggiungono la fine della loro carriera professionale, il circolo si chiude e le donne si trovano di nuovo all’inizio, senza il successo sperato. Le donne di questa età stanno lottando per la loro esistenza e il loro futuro”, ha detto la Cerovic.

L’autrice della pubblicazione e la direttrice del programma “SeConS”, Marija Babovic, ha dichiarato che “alla fine della loro carriera le donne sono le prime a essere colpite da licenziamenti in caso di esubero, ristrutturazione, nuove tecnologie e simili”.

“Un numero significativo di donne non ha esercitato il diritto alla pensione perché ha perso il lavoro. Se vogliamo aiutare le donne di questa età, dobbiamo intervenire sulle giovani lavoratrici in modo che non rischino di scivolare fuori dal mercato del lavoro”.

La pubblicazione ha mostrato che 260.000 donne di età compresa tra i 45 e i 64 anni non ha diritto alla pensione e il 14,6% ha rinunciato a cercare lavoro a causa di precedenti tentativi falliti. La Babovic ha anche affermato che “il 60% delle giovani donne che sono inattive per cause familiari o di assistenza ai figli ha dichiarato che inizierebbe a lavorare se trovasse un lavoro adatto”.

“Vediamo difficoltà nel mercato del lavoro per le giovani donne; se sono già occupate, sono a rischio quando si fanno una famiglia e quando diventano madri, e questo è qualcosa che le discrimina fortemente”, ha detto la Babovic.

Tatjana Prijic dell’ufficio del commissario per la difesa dell’uguaglianza ha affermato che “le donne nel mercato del lavoro sono più esposte al mobbing e a specifici tipi di discriminazione”.

“Molto spesso durante i colloqui ci sono domande legate al matrimonio e all’avere una famiglia. Alle donne viene negato l’avanzamento di carriera perché hanno usufruito di un congedo per malattia e per questo motivo alcune vengono addirittura licenziate”, ha detto la Prijic.

La stessa ha affermato che “la legge sul numero massimo di dipendenti nei servizi pubblici sta colpendo maggiormente le donne, perché impedisce l’occupazione nei settori in cui le donne sono maggiormente rappresentate, come l’istruzione, l’assistenza sociale e sanitaria e l’amministrazione”.

“Le divisioni tradizionali dei ruoli sono un problema e anche gli stereotipi a cui aderiscono sia i datori di lavoro che i lavoratori. Ciò che dobbiamo fare è sottolineare questa pratica negativa al fine di migliorare la posizione delle donne nel mercato del lavoro”, ha concluso Tatjana Prijic.

https://www.021.rs/story/Info/Srbija/228211/U-Srbiji-vise-od-40-odsto-zena-iskljuceno-sa-trzista-rada.html

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top