In Serbia, il numero di occupati è diminuito di 60.800 unità nel primo trimestre

Secondo i dati dell’Ufficio statistico della Repubblica (RZS), il numero di disoccupati in Serbia nel primo trimestre di quest’anno è diminuito di 3.800 rispetto all’ultimo trimestre del 2019, anche se il numero di occupati è diminuito di 60.800 unità, ha affermato Sarita Bradas, associata della “Fondacija Centra za demokratiju”.

La Bradas ha dichiarato all’agenzia “Beta” che 2.938.200 lavoratori erano impiegati nell’ultimo trimestre del 2019 a fronte dei 2.877.400 del primo trimestre del 2020.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Secondo lei, tale illogicità può essere spiegata dal fatto che buona parte dei lavoratori che hanno perso il lavoro durante lo stato di emergenza iniziato il 15 marzo a causa della pandemia, hanno rinunciato a cercare un lavoro e non sono stati registrati come disoccupati dall’Ufficio (RZS).

“Quei lavoratori che hanno perso il lavoro, se non lo hanno poi cercato attivamente per quattro settimane, sono entrati in “inattività” e non sono considerati disoccupati”, ha affermato la Bradas.

Ha aggiunto che una tale differenza nella riduzione del numero di dipendenti tra il primo trimestre 2020 e il quarto trimestre 2019 non può essere spiegata dalle oscillazioni stagionali, perché non ce ne sono state così tante finora.

Se, come ha detto, si osserva l’ultimo trimestre del 2018 e il primo del 2019, la differenza nel numero di dipendenti era di sole 6.900 unità.

La stessa ha dichiarato che su 60.800 lavoratori il maggior numero di loro ha perso il lavoro (51.400) nel settore informale, cioè lavoratori autonomi, al di fuori del settore agricolo, principalmente impiegati in piccoli negozi imprenditoriali.

La Bradas ha concluso che il Registro centrale delle assicurazioni sociali obbligatorie contiene i dati accurati sul numero di lavoratori che hanno perso il lavoro o che hanno lavorato per un periodo di tempo indefinito o definito o sulla base di lavori temporanei e occasionali, sulla base delle cancellazioni dei datori di lavoro.

https://www.danas.rs/ekonomija/u-srbiji-u-prvom-kvartalu-broj-zaposlenih-radnika-manji-za-60-800/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in disoccupati, lavoro, occupati, RZS
produzione industriale
La società tedesca “König Metall” apre un impianto nella zona industriale di Ivanjica

Due nuovi investitori a Jagodina; lavoro per 400 operai

Close