In Serbia il numero dei migranti è aumentato di circa il 30%

Secondo i dati del Commissariato per i rifugiati e la migrazione, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso il numero di migranti in Serbia è aumentato di circa il 30%. “Tra 150 e 200 persone entrano nel nostro Paese ogni giorno, altri lasciano la Serbia e ci sono costantemente circa 1.000 migranti senza alloggio”, ha affermato il direttore del Centro per la protezione e l’assistenza ai richiedenti asilo, Rados Djurovic.

Al momento ci sono 16 centri di accoglienza e centri di asilo in cui sono ospitati 5.263 migranti, mentre in totale nel Paese sarebbero circa 6.000 le persone dentro e fuori i centri.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Il Commissariato afferma che la maggior parte dei migranti si trova fuori dai centri ai confini settentrionali del Paese, dove, secondo le loro stime, ci sono circa 500 profughi.

I migranti vengono dall’Afghanistan, dalla Siria, dall’Iraq e c’è chi viene dal Nord e dall’Est dell’Africa. Djurovic sottolinea che il numero dei siriani è aumentato, e che più del 10% di tutti i migranti che arrivano ora sono di nuovo siriani e il numero sta crescendo.

Ci sono oltre 8.000 migranti in Serbia ogni giorno che lasciano il Paese in modo intensivo, ma ce ne sono altri che vogliono raggiungere l’Ungheria, la Romania e molto spesso la Croazia attraverso la Serbia.

Djurovic osserva che i migranti possono essere visti non solo a Belgrado, ma anche nei parchi di Loznica e Subotica.

“Dall’inizio dell’epidemia da coronavirus, il numero non è diminuito, anzi fino ad oggi è aumentato il numero di persone in arrivo. Alcuni lasciano il Paese in modo intensivo, altri tra le 150 e le 200 persone entrano nel sud, e un numero simile cerca di lasciare la Serbia”, ha detto Djurovic.

Secondo lui, il problema è che i migranti dei Paesi vicini vengono “spinti” in Serbia a centinaia al giorno.

Quelle persone che vengono “spinte” in Serbia, come dice Djurovic, non vengono respinti legalmente, “ma sono state solo costrette ad attraversare il confine e a ritrovarsi da noi”.

“Questo crea una situazione di disagio e causa una grande frustrazione alle persone che cercano di entrare e uscire, si verifica un intenso ping-pong lungo i confini meridionali e settentrionali e in questo senso la situazione è tutt’altro che tranquilla, soprattutto perché la gente qui vede molte persone che non hanno dove dormire”, conclude Djurovic.

U Srbiji povećan broj migranata za oko 30 odsto

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top