In Serbia 900 € di debiti a testa

In questo momento quasi ogni cittadino della Serbia è in debito di circa 900 euro. Non si sa ancora con certezza se ai cittadini più indebiati quest’anno verrà data l’opportunità di dichiarare fallimento personale e in tal modo, grazie al nuovo piano di rimborso, liberarsi dalla schiavitù del debito.

La Banca Nazionale della Serbia annuncia che a metà anno, in collaborazione con le istituzioni internazionali adotterà una strategia per risolvere i crediti problematici. Colui che dichiara il fallimento personale otterrà un curatore fallimentare personale, che avrà il compito di pianificare qual’è il modo più indolore possibile per restituire quello che è stato preso in prestito.

“Questa piccola “FMI ad personam” prescriverebbe quanto uno può spendere, proponendo di non mangiare troppo e non andare ai bar, niente animali troppo costosi, quindi una vita modesta affinché possa, se lavora, pagare il proprio debito. La legge sul fallimento personale potrebbe impedire che un intero stipendio finisca in banca e permetterebbe che una parte rimanga ai cittadini, per poter sostenere le loro famiglie”, ha detto l’economista Goran Nikolic alla radiotelevisione serba B92.

Ad oggi quasi ogni cittadino della Serbia è in debito di 106 mila di dinari in media.  Dal 2006, il debito pubblico è in costante crescita, ma è evidente che dal 2011 siamo diventati più attenti per quanto riguarda le richieste di crediti e i saldi negativi sulle carte di addebito. Gli esperti dicono che si deve molto meno denaro a seconda della regione e che l’istituzione di fallimento personale sarà una soluzione desiderabile per i cittadini, ma non per le banche.

” Il fatto è che le banche sarebbero meno inclini a concedere prestiti, sarebbero più attenti perché hanno un altro ostacolo per qunanto riguarda la restituzione del denaro.”  Nella Banca Nazionale della Serbia hanno detto che stanno facendo sforzi per risolvere la questione dei crediti problematici. Non vi è ancora alcuna comunicazione precisa e sicura se nella Serbia verrà applicata la legge sul fallimento personale.

“La strategia per affrontare la questione dei crediti problematici sarà effettuata in collaborazione con il Fondo Monetario Internazionale, con  la Banca mondiale e con la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo alla fine di giugno 2015. Questa strategia consisterà nel rafforzamento delle capacità delle banche di risolvere i crediti problematici, eliminando gli ostacoli relativi alla risoluzione e alla vendita delle posizioni creditorie,  nonché nell’introduzione di un quadro di fallimento personale. La creazione di un quadro giuridico per l’istituto di fallimento personale sarà realizzato dopo la preparazione della strategia,” è stato riportato dalla NBS .

La legge attualmente vigente in materia di esecuzione e di sicurezza,  prescrive tutto ciò che non può essere l’oggetto dell’espropriazione forzata dei beni del debitore. Tuttavia, se la banca ignora la legge, allora può prendere tutto,  attivando l’ipoteca, attraverso la vendita di beni, nonché tramite l’introduzione del blocco amministrativo dello stipendio.

 

 

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top