In oltre il 90% degli appalti pubblici in Serbia il prezzo è più importante della qualità

“In oltre il 90% degli appalti pubblici in Serbia, il prezzo è ancora più importante della qualità”, ha annunciato l’Alleanza nazionale per lo sviluppo economico e locale (NALED) alla presentazione dell’analisi sullo stato degli appalti pubblici nel campo dell’architettura, dei servizi di consulenza e programmazione.

L’analisi è stata realizzata nell’ambito del progetto “Appalti pubblici efficaci al servizio della crescita economica” realizzato dalla NALED con il supporto dell’Agenzia svedese per lo sviluppo internazionale (Sida). Gli obiettivi del progetto sono promuovere una maggiore applicazione dei criteri “verdi” e sociali negli appalti pubblici, nonché supportare il miglioramento del sistema attraverso lo sviluppo di un’applicazione mobile per gli appalti, una piattaforma di eLearning e un registro degli offerenti.

Secondo i membri di NALED, è necessario che le amministrazioni aggiudicatrici effettuino ricerche di mercato durante la pianificazione degli appalti al fine di compilare meglio le specifiche tecniche, specificare l’oggetto dell’appalto e selezionare attentamente le condizioni aggiuntive per la partecipazione, per incoraggiare la concorrenza invece di limitarla. Sebbene l’87% dei clienti abbia sentito parlare di criteri di qualità, solo un terzo li utilizza, il che indica la necessità di una formazione per applicarli in modo coerente e con successo.

Per quanto riguarda i servizi di architettura analizzati da NALED, il valore degli investimenti nella realizzazione di autostrade nel 2019 è stato di 346 milioni di euro, rispetto ai 133 milioni di euro del 2011. Nel piano per il 2021, l’industria dell’energia elettrica della Serbia aveva 290 appalti dal settore delle costruzioni, di cui 83 erano servizi di architettura, ingegneria e pianificazione. Nei servizi di programmazione, NALED ha preso in considerazione i 100 contratti di maggior valore nel 2019, due dei quali avevano un valore complessivo di 12 milioni di euro.

In due terzi delle procedure analizzate, il valore stimato e quello concordato erano identici e il numero medio di offerte in questi appalti era 1,12, mentre il prezzo era il fattore decisivo nel 96% dei casi. Una situazione simile è stata osservata negli appalti di servizi di consulenza (traduzione, consulenza, preparazione e supervisione dei progetti), dove il criterio della qualità è stato utilizzato in meno del 10% delle procedure e il numero di partecipanti all’appalto è rimasto al di sotto della media nazionale (2,5).

https://naslovi.net/2022-05-31/beta/naled-u-vise-od-90-odsto-nabavki-cena-i-dalje-vaznija-od-kvaliteta/30720944

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top