In formazione un database delle rimesse di denaro per la diaspora

La Banca nazionale serba (NBS) ha deciso di creare un database delle rimesse di denaro, che sarà attivato dal 15 giugno e registrerà chiunque invii o riceva denaro dall’estero. L’anno scorso in Serbia di rimesse sono arrivati oltre 2,5 miliardi di euro.

Le banche e altri istituti finanziari devono presentare alla Banca nazionale serba, entro il 15 giugno, un elenco dei loro clienti che inviano o ricevono denaro dall’estero. Il nome di chiunque mandi denaro dalla Serbia e di chiunque riceva denaro sarà elencato in un registro unico degli utenti delle rimesse. L’obiettivo, secondo l’NBS, è prevenire gli abusi finanziari.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

L’introduzione del registro è prevista dalla legge sull’impedimento del riciclaggio e del terrorismo, recentemente adottata. Secondo questa, la Banca nazionale serba ha preso una decisione qualche giorno fa sulle condizioni e le modalità di tenuta di un unico registro. Entro il 15 aprile, le banche dovrebbero preparare le condizioni tecniche per l’istituzione del registro.

L’elenco, che sarà conservato dalla NBS e i cui dati non saranno disponibili pubblicamente, includerà principalmente persone della diaspora serba che inviano denaro guadagnato all’estero alla famiglia in Serbia. Da questi afflussi, soprattutto dalla Germania nell’ultimo anno, i cittadini serbi hanno ricevuto oltre 2,5 miliardi di euro per pensioni, prestazioni di sicurezza sociale, nonché assistenza e regali.

Tramite singoli istituti di pagamento è possibile ricevere e inviare denaro senza aprire un conto. Questo servizio di pagamento internazionale è fornito da banche, e da “Pošta Srbije”, Western Union, MoneyGram International Inc. e RIA Money Transfer”.

Secondo la legge sui cambi, i cittadini possono trasferire fino a 10.000 euro al mese senza restrizioni. Sono autorizzati a inviare denaro dall’estero e all’estero come regalo, assistenza a un familiare, eredità o affitto, e per saldare il debito degli immigrati verso la Serbia quando si trasferiscono all’estero.

Secondo la Banca nazionale, un unico registro consentirà un accesso più facile e rapido ai dati sulle rimesse quando è necessario rilevare attività criminali, come il riciclaggio di denaro.

Secondo un rapporto della Banca mondiale, le rimesse inviate in Serbia rappresentano l’8,56% del prodotto interno lordo e sono un fattore importante nella riduzione della povertà nel Paese. Dal 2004, gli afflussi di denaro in Serbia sono stati stimati tra i 2,2 e i 3,7 miliardi di euro all’anno. Nel 2018, la Serbia si è classificata al 37° posto al mondo per fondi ricevuti, con la maggior parte delle rimesse inviate dalla Germania.

https://www.novosti.rs/vesti/naslovna/ekonomija/aktuelno.239.html:849352-Mora-da-se-zna-ko-salje-i-ko-prima-devize-NBS-formira-bazu-podataka-o-doznakama

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... database rimesse, diaspora, Germania, NBS
NBS
Tabakovic: “La crescita economica quest’anno e il prossimo sarà del 4%”

dinaro
“JP Morgan” giudica il dinaro serbo una moneta valutata in modo corretto

Chiudi