In che modo l’accordo tra il governo e gli agricoltori influirà sul prezzo dei generi alimentari?

Nessuna delle due parti è completamente soddisfatta dell’accordo tra il governo serbo e gli agricoltori, che ha posto fine ai blocchi stradali in tutto il Paese. Di conseguenza, è quasi certo che, tra qualche mese, il prezzo al dettaglio dell’olio da cucina aumenterà di circa il 30%.

In particolare, due giorni fa il governo ha raggiunto un accordo con gli agricoltori, che prevede che il prezzo finale del girasole sia di 73 dinari al chilogrammo, cioè 620 euro a tonnellata, e ha accettato di pagare gli agricoltori per il raccolto di quest’anno entro il 15 ottobre dell’anno in corso.

In base allo stesso accordo, il margine dell’intermediario è limitato a un massimo di 2,6 dinari, mentre il costo del trasporto della merce dal luogo di acquisto al mulino di girasole è a carico dei mulini stessi. Per quanto riguarda il carburante, l’incentivo nel prossimo periodo ammonterà a 20 dinari al litro, mentre il premio per il latte per un trimestre nel 2022 salirà a 15 dinari. Inoltre, il Governo si è impegnato a parlare con gli allevatori nel prossimo periodo, per elaborare misure volte a migliorare il settore zootecnico. Lo stesso accordo garantisce agli agricoltori una moratoria sul pagamento dei prestiti per un periodo di 12 mesi.

Anche l’agroeconomista Vojislav Stanković ritiene positivo che sia stato raggiunto un compromesso e che sia logico che entrambe le parti abbiano dovuto rinunciare ad alcune delle loro richieste.

“Va detto che l’accordo raggiunto porterà a un aumento dei prezzi dell’olio da cucina al dettaglio di circa il 30%. Questo non avverrà immediatamente, ma la variazione dei prezzi dovrebbe essere prevista per gennaio del prossimo anno”, sottolinea il nostro interlocutore.

Secondo lui, a causa della crisi, c’è la possibilità di un aumento del prezzo di una serie di prodotti alimentari prima dell’inizio della stagione della semina a giugno, e il Governo dovrebbe fare qualcosa per evitare un impatto sui consumatori.

“Uno dei modi per farlo è che le autorità prendano una decisione sulla sovvenzione dei prezzi dei fertilizzanti e del carburante. Il secondo è che il governo formi un consiglio per l’agricoltura, che monitori la situazione e proponga soluzioni adeguate per evitare aumenti di massa dei prezzi al dettaglio dei prodotti alimentari”, conclude Stanković.

(Danas, 18.08.2022)

https://www.danas.rs/vesti/ekonomija/kako-ce-dogovor-vlade-i-ratara-uticati-na-cenu-ulja-od-januara/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top