In assegnazione le poltrone del nuovo esecutivo

Il nuovo esecutivo serbo, che dovrebbe iniziare il suo mandato il 28 ottobre, sarà composto da almeno 22 membri, la cui maggioranza proverrà dai ranghi del partito progressivo. Allo stato attuale delle cose, i socialisti avrebbero due dipartimenti e uno ciascuno per il partito SPAS e i partner di coalizione dell’SNS, i partiti di Rasim Ljajic e Milan Krkobabic.

All’SPS rimarrebbe, secondo alcune fonti, il Ministero dell’Amministrazione statale e dell’autonomia locale, che continuerà ad essere guidato da Branko Ruzic, mentre Aleksandar Antic dal dipartimento dell’energia verrebbe riassegnato al traffico. Un’altra opzione è che uno dei due dipartimenti destinati all’SPS sia l’istruzione, desiderio dei socialisti. È già noto che il capo di questo partito, Ivica Dačić, sarà invece il presidente del parlamento.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Il Ministero per la cura della famiglia, dei bambini e della demografia di recente formazione sarà assegnato molto probabilmente al partito SPAS di Aleksandar Šapić. Ratko Dmitrović, eletto deputato nella stessa lista dovrebbe esserne a capo.

Come annunciato, il Presidente della Serbia e leader dei progressisti, Aleksandar Vučić, nei prossimi giorni dovrebbe tenere colloqui con il PUPS e il Partito popolare serbo. Allo stato attuale delle cose, Krkobabic, che era responsabile dello sviluppo regionale, potrebbe espandere il suo raggio d’azione, essendo stato impegnato in lavori simili nel governo uscente, come Ministro senza portafoglio per lo sviluppo regionale e il coordinamento del lavoro delle aziende pubbliche. Non è chiaro se Nenad Popovic continuerà a esserci come Ministro senza un portafoglio per l’innovazione e lo sviluppo tecnologico.

La SDPS continuerà ad essere rappresentata nel governo a livello ministeriale, con il Ministero del Commercio, del turismo e delle telecomunicazioni dato a Tatjana Matić, prima segretario di Stato in questo dipartimento, al posto di Ljajić.

Siniša Mali e Branislav Nedimović rimarranno sicuramente e manterranno i dipartimenti delle finanze e dell’agricoltura. Anche Zorana Mihajlović resterà sicuramente, ma forse passerà dalle costruzioni all’energia. L’ex capo del Ministero dell’Interno, Nebojsa Stefanovic, verrebbe assegnato al dipartimento della difesa. In quel caso, Aleksandar Vulin prenderebbe il controllo della polizia. L’ex presidente del parlamento, Maja Gojković, sarà la Ministra della Cultura e dell’Informazione.

Il segretario generale del presidente della Repubblica, Nikola Selaković, è il candidato più serio alla carica di capo della diplomazia. La Premier Ana Brnabić ha detto che vorrebbe vederlo nella sua squadra e la stessa ha anche elogiato l’operato del Ministro della Salute, Zlatibor Lončar.

https://www.novosti.rs/vesti/politika/928340/demografija-dmitrovicu-socijalisti-hoce-prosvetu-nazire-kadrovski-mozaik-nove-vlade-danas-izbor-predsednika-skupstine-odbora

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Ministri, nuovo esecutivo, SNS, spas
Governo a durata limitata; Dačić nuovo presidente del parlamento

Djilas: “Il debito della Serbia è di 27 miliardi e lo Stato ne vuole aggiungere altri 23,5”

Close