In agosto gara d’appalto per la privatizzazione di PKB

Il Ministero dell’Economia ha confermato ciò che il FMI ha annunciato la scorsa settimana, ovvero che ci sarà ad agosto una nuova gara d’appalto per la privatizzazione della Agricultural Corporation Belgrade (PKB).

L’ultimo grande impianto statale sarà privatizzato secondo il modello di vendita di parte del patrimonio immobiliare e del capitale di proprietà della Repubblica di Serbia e del fondo azionario nelle filiali “Eko-lab” e “Agroekonomik”.

Vuoi aprire una società in Serbia in pochi giorni? Clicca qui!

Come riporta Tanjug, secondo la decisione del governo l’annuncio di un bando per le offerte pubbliche, è previsto per il mese prossimo. Il Ministero dell’Economia ha precisato che la gara sarà fatta insieme alla vendita dei terreni agricoli, dei edifici commerciali di PKB, di attrezzature, forniture, pezzi di ricambio, e la quota di questa società in società dipendenti.

La risoluzione dello status di questa società fa parte del programma “Cuvarkuca” (ndt guardiano), che la Serbia ha firmato con il FMI. Nell’accordo precedente, una delle condizioni era di trovare un partner per il PKB, fino a giugno di quest’anno, il che non è accaduto.

Come ha pubblicato di recente il giornale Politika, i rappresentanti dei sindacati e lo Stato dall’inizio dell’anno hanno avuto diversi incontri sul tema della privatizzazione ed è stato discusso anche un programma sociale in base al quale ai dipendenti venissero offerti 450 euro per ogni anno di servizio, così come la possibilità, se desiderano, di continuare a lavorare con un nuovo datore di lavoro. Circa 1.700 lavoratori sono impiegati in PKB e nelle filiali.

Secondo informazioni non ufficiali, in vendita saranno il terreni agricoli  di circa 17.000 ettari di proprietà nazionale, così come il bestiame, gli edifici, le attrezzature e le aziende agricole.

I rappresentanti dei sindacati dicono di essere stati informati che 4.500 ettari di terreni edificabili non saranno venduti, e che rimarranno formalmente all’interno della vecchia società PKB. Il Ministero dell’Economia non ha ancora confermato questa informazione.

Lo Stato, che è il proprietario formale di PKB dal 2016 settembre, quando la città di Belgrado ha ceduto il 99% delle azioni gli ultimi anni ha cercato di trovare il modello più accettabile per la privatizzazione di questa importante società, sempre più gravata da debiti. Alla fine del 2017, il debito di PKB ammontava a circa 80 milioni di euro.

L’ex Agenzia di privatizzazione nel dicembre 2015 aveva annunciato un bando pubblico per la vendita di PKB, e il prezzo di partenza era di 154 milioni di euro, ma all’apertura delle offerte, in marzo 2016, nessuno era interessato. Successivamente, la vendita è stata sospesa ed è stata imposta una nuova valutazione del capitale.

All’inizio dello scorso anno, sono stati interessati alla privatizzazione di PKB, tra gli altri, l’industria della carne “Matijevic”, “MK Group” e “Al Dahra” dagli Emirati Arabi Uniti. Ma tutto è rimasto su offerte non vincolanti perché nel frattempo il Ministero dell’Economia non ha annunciato una gara pubblica per la privatizzazione di PKB.

(http://www.politika.rs/sr/clanak/408270/Tender-za-privatizaciju-PKB-a-u-avgustu)

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... Belgrado, gara d'appalto, PKB
Birra artigianale, laboratori e osservazione dell’eclissi lunare a Belgrado e a Novi Sad

Sosa (FMI): il mese prossimo il bando per la privatizzazione di PKB

Chiudi