Gli imprenditori serbi versano il 44% del fatturato in imposte

“Sulla base di un campione che comprendeva piccole e medie società a responsabilità limitata, abbiamo calcolato che una piccola impresa media deve pagare tra i 12.145 e 32.892 dinari al mese di imposte e contributi, mentre una società media a responsabilità limitata paga circa 14.831 dinari al mese”, spiega una ricercatrice di NALED, Irena Djordjevic.

NALED ha elaborato l’analisi in collaborazione con la Facoltà di Scienze Politiche. Djordjevic spiega inoltre anche che i nuovi proprietari di imprese devono pagare tra i 151.550 e 426.314 dinari nel loro primo anno di operazioni per imposte e contributi, mentre le società a responsabilità limitata devono pagare tra i 188.126 e 235.126 dinari. Le società sono tenute a versare tali importi anche in assenza di profitto.

L’analisi ha anche dimostrato che l’alta tassazione è uno dei maggiori problemi per i giovani imprenditori che vogliono avviare un’attività imprenditoriale, e l’imposta sul reddito e quella di assicurazione sociale costituiscono l’onere maggiore.

“Se parliamo di proprietari di piccole imprese in Serbia, il 44% del loro fatturato complessivo viene destinato al pagamento di tasse e contributi, mentre in Germania, tale percentuale è due volte più bassa, circa il 21%”, sottolinea Djordjevic.

NALED ha lanciato un’iniziativa, sostenuta dal Ministero delle Finanze, per rendere effettiva l’esenzione per più di sei mesi dal pagamento delle tasse e dei contributi nel primo anno di attività delle loro società per tutti i giovani imprenditori (diplomati di scuola superiore o laureati all’università sei mesi prima di avviare l’attività) e le persone disoccupate registrate presso il Servizio nazionale per l’occupazione.

Djordjevic sottolinea che questa iniziativa si applica solo alle micro imprese, vale a dire coloro che hanno fino a 9 dipendenti, e saranno una misura unica. Se una persona possiede diverse società, verrà esonerata dal pagamento delle imposte per una sola di quelle società.

(Danas, 26.10.2017)

http://www.danas.rs/ekonomija.4.html?news_id=360250

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top