Il valore della seconda moratoria ammonta a quasi un miliardo di euro

Della seconda moratoria sui debiti verso le banche ne ha usufruito l’82% dei cittadini e il 69% delle imprese. Il valore complessivo del secondo ritardo nel rimborso delle passività ammonta a quasi un miliardo di euro, si legge nei dati per il settore bancario, resi noti dall’Associazione delle banche serbe (UBS).

Questa quota è maggiore tra le micro e le piccole entità (71% e 62%, rispettivamente), mentre nel segmento delle medie e grandi imprese la metà degli imprenditori ha deciso di continuare a pagare i propri obblighi.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

Tra i cittadini che usufruiscono di un mutuo per la casa, la metà ha deciso per la moratoria, e tra gli utenti di crediti in contanti, carte di credito e deficit nel conto corrente, la stessa quota è dell’84%.

“La tendenza secondo cui le piccole e micro imprese sono più esposte alla crisi causata dalla pandemia COVID-19 è stata confermata, e vediamo anche che la percentuale di accettazione della moratoria è più alta tra i mutuatari di valore inferiore”, ha detto Vladimir Vasic, segretario generale “UBS”.

Attraverso le due fasi della moratoria, a marzo e ora, il sostegno totale del settore bancario per superare la crisi causata dalla pandemia ha raggiunto un valore di quasi 3 miliardi di euro.

Ulteriore sostegno è stato fornito attraverso prestiti in un regime di garanzia per il valore di altri 2 miliardi di euro.

https://novaekonomija.rs/vesti-iz-zemlje/ubs-vrednost-drugog-moratorijuma-skoro-milijardu-evra

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... moratoria, mutuo, Prestiti, settore bancario
Stepanovic: “Approccio economico sbagliato fin dall’inizio dell’epidemia”

Approvata una nuova moratoria in soccorso all’economia

Chiudi