Il sindacato “Fiat plastik” a Kragujevac minaccia di sospendere la produzione

Gli operai della fabbrica per la produzione di paraurti “Fiat plastik” di Kragujevac hanno subito una riduzione degli stipendi di circa 15.000 dinari, che ora sono “drasticamente” inferiori alla media serba, ha annunciato il sindacato indipendente della fabbrica.

Gli stipendi, che in piena produzione erano pari a quelli di un normale cassiere, sono stati ridotti per due motivi: il regresso è stato ridotto di oltre il 50%, e da febbraio i dipendenti ricevono circa 3.000 dinari in meno al mese, mentre per i giorni di ferie retribuite l’indennità è del 60 invece del 65%, come per i dipendenti della “Fiat Chrysler Serbia”.

Il sindacato pensa che la società “Fiat Plastik” stia cercando di utilizzare l’attuale situazione epidemiologica per giustificare la riduzione degli stipendi dei lavoratori con presunte perdite dovute alla riduzione della produzione”.

“Ci tolgono il pane dalla bocca durante l’epidemia, mentre molti dei nostri lavoratori si ammalano e vengono curati, e tutto ricade su chi lavora e il cui carico di lavoro è aumentato”, ha detto il presidente del sindacato Indipendente, Zoran Miljković.

I sindacati affermano che la produzione in fabbrica “è diminuita” dal 20 al 30%, ma durante l’epidemia l’azienda ha utilizzato tutte le misure governative e il minimo sindacale, ed è anche beneficiaria di “tutti i possibili sussidi statali e altri sussidi prima di allora”.

I lavoratori sono inoltre insoddisfatti della parte del contratto collettivo che è stata loro offerta dal datore di lavoro a dicembre, e il sindacato si è rifiutato di firmarlo perché è stato chiesto loro di rinunciare al diritto di sciopero per tre anni.

La riduzione degli stipendi è un duro colpo per il bilancio familiare dei lavoratori e delle loro famiglie, e la rinuncia allo sciopero è “un insulto alla dignità umana”, quindi non intendono accettarlo.

Dal 12 gennaio tutti i giorni lavorativi è in corso ​​uno sciopero di avvertimento di un’ora, a causa del quale si perdono 30 paraurti per la “500L”.

Come è stato annunciato, allo sciopero dei lavoratori si sono uniti ora anche i supervisori e le autorità di vigilanza che “si ribellano da diversi mesi, a causa di un lavoro estenuante con un numero insufficiente di lavoratori, e ricevono come ricompensa una riduzione del salario”.

Il sindacato non esclude di iniziare una completa interruzione del lavoro.

http://www.politika.rs/sr/clanak/471701/Sindikat-Fiat-plastika-u-Kragujevcu-preti-obustavljanjem-proizvodnje

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top