Il Senato dell’Università di Belgrado ha annullato il dottorato di ricerca di Sinisa Mali

La decisione del Senato è per l’Università definitiva, e Siniša Mali può appellarsi al Tribunale amministrativo contro di essa. Il Senato dell’Università di Belgrado (BU) ha annullato il suo dottorato in scienze e ha preso questa decisione sulla base di una decisione del Comitato etico professionale.

La commissione per l’etica professionale dell’Università di Belgrado ha riscontrato all’unanimità a novembre l’esistenza di comportamenti non accademici da parte di Siniša Mali durante la preparazione della sua tesi di dottorato, perché nella sua tesi “ha letteralmente preso in prestito parti di testi o interi passaggi da testi di altri autori, senza indicare i nomi di quegli autori”.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Il professore della facoltà di filosofia Dragan Popadic ha detto a Radio Slobodna Evropa (RSE) che come cittadino ritiene la cosa imbarazzante, e che è anche pericoloso rimanere in una posizione di governo così importante dopo l’annullamento del dottorato. Ritiene, tuttavia, che questo è esattamente ciò che accadrà.

“Sicuramente non mi aspetto che lasci la poltrona da solo, ma non mi aspetto neanche che venga licenziato perché non so chi potrebbe costringerli a cambiare decisione”, afferma Popadic.

Mali ha conseguito il dottorato di ricerca nel 2013 presso la Facoltà di Scienze organizzative (FON) di Belgrado sul tema “Creare valore attraverso processi di ristrutturazione e privatizzazione – concetti teorici e risultati realizzati in Serbia”.

Tuttavia, non è stato promosso dottore di ricerca, e la rettrice dell’Università di Belgrado Ivanka Popovic ha dichiarato, dopo la decisione del Comitato etico professionale, che un diploma di dottorato non può essere assegnato dopo questa decisione.

L’inchiesta sulla tesi di Sinisa Mali, che nel frattempo ha fatto carriera e si è unito al governo a Belgrado come Ministro delle finanze, è durata cinque anni.

La Facoltà di Scienze Organizzative aveva inizialmente deciso che la tesi del Ministro non era stata plagiata, poiché, come affermato, solo il 7% del testo era stato trasmesso senza citarne la fonte, ma l’Università non ha accettato il rapporto e lo ha inviato nuovamente al FON per la riesamina.

Il Consiglio Educativo e Scientifico della FON ha quindi adottato un rapporto della Commissione Etica della Facoltà sul dottorato di ricerca che ha stabilito l’esistenza di comportamenti non accademici, e ha proposto la misura più severa di condanna pubblica per il controverso dottorato invece di adottare solo un ammonimento pubblico.

https://www.slobodnaevropa.org/a/senat-univerziteta-u-beogradu-poni%C5%A1tio-doktorat-sini%C5%A1e-malog/30322161.html

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... BU, dottorato, FON
Ana Brnabic: “Sinisa Mali rimane al suo posto nel governo”

Poco interesse della comunità accademica sul caso del plagio di Sinisa Mali

Chiudi