Il rapporto della CIA sulla Serbia: manodopera a basso costo e sistema giudiziario inefficiente

La CIA (Central Intelligence Agency) degli Stati Uniti ha pubblicato nel suo ultimo rapporto sui paesi del mondo che i principali fattori per una maggiore crescita economica della Serbia sono la riforma economica e la posizione strategica del paese.

Nel rapporto, pubblicato sul sito web della CIA, tra i fattori favorevoli sono indicati anche la “forza lavoro relativamente a basso costo e qualificata” e l’accordo di libero scambio con l’UE, la Russia, la Turchia e con i paesi che aderiscono all’Accordo di libero scambio centroeuropeo.

Tra le principali sfide economiche, la CIA ha messo in evidenza il reddito familiare stagnante, la necessità di creare nuovi posti di lavoro nel settore privato, le riforme strutturali delle imprese statali e la riforma del settore pubblico.

Inoltre, rimane il problema del sistema giudiziario inefficace e dell’alto livello di corruzione, come anche dall’invecchiamento della popolazione.

Il rapporto della CIA menziona anche che la Serbia è un “punto di trasbordo” di eroina dal Sud-est asiatico verso l’Europa occidentale, e che ha un’economia che molto spesso tende al riciclaggio del denaro.

Vuoi aprire una società in Serbia in pochi giorni? Clicca qui!

Nel capitolo che si riferisce alle questioni internazionali, viene affermato che la Serbia sta protestando perché gli Stati Uniti e altri paesi hanno riconosciuto l’indipendenza del Kosovo. Il rapporto afferma inoltre che diverse migliaia di forze di pace guidate dalla NATO e sotto l’amministrazione provvisoria delle Nazioni Unite in Kosovo continuano a mantenere la pace tra la “maggioranza albanese e la minoranza serba”.

Il rapporto afferma anche che la Serbia non ha ancora risolto i problemi di confine con la Bosnia a con la Croazia attorno al confine sulla Drina e sul Danubio, così come tutte le altre questioni bilaterali in sospeso risalenti al conflitto degli anni ’90.

Oltre ai dati di base relativi ai dati sul presidente e sul primo ministro, sulla regolamentazione statale, sulla posizione geografica, sulla popolazione, sul clima, sul calcolo del tempo, la CIA ha anche dichiarato che gli stranieri non acquisiscono automaticamente la cittadinanza serba per nascita e che il periodo necessario per ottenere la cittadinanza è di circa tre anni.

http://www.021.rs/story/Info/Srbija/200426/CIA-o-Srbiji-Jeftina-radna-snaga-neefikasno-pravosudje-i-mnogo-korupcije.html?fbclid=IwAR0CTluPhbfSn5SRwCvJGQSyVwoKP6WfTFephjNHN5B7T4sDu7LxnGpaSCE

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in CIA, confini, Rapporto, Serbia
Il parlamentare tedesco Peter Beyer: nessuna adesione all’UE senza il riconoscimento dell’indipendenza del Kosovo

La Serbia rimane nella lista nera del FATF come paese ad alto rischio di corruzione e riciclaggio di denaro

Close