Il Presidente serbo incontra il Commissario UE per l’Allargamento

Il Commissario UE per il Vicinato e l’Allargamento, Olivér Várhelyi, ha incontrato a Belgrado il Presidente serbo, Aleksandar Vučić, il Primo Ministro Miloš Vučević, il Ministro degli Interni Ivica Dačić e il Ministro degli Affari Esteri Marko Đurić, nonché il Presidente e i membri del Parlamento.

I temi degli incontri sono stati i negoziati di adesione all’UE, le riforme prioritarie nell’ambito del processo di adesione e l’attuale lavoro sull’agenda di riforma per accedere ai finanziamenti del Piano di crescita e dello Strumento di riforma e crescita per i Balcani occidentali. Nell’ambito dell’attuazione del Piano economico e di investimento, il Commissario parteciperà anche alla cerimonia di firma degli accordi di sovvenzione per la Biomassa II, per un importo di 10 milioni di euro (a sostegno degli investimenti in un teleriscaldamento più ecologico), visiterà il Terminal intermodale di Batajnica, finanziato in gran parte dall’UE, per un importo di 15,5 milioni di euro, e inaugurerà il nuovo Palazzo di Giustizia di Novi Sad, interamente finanziato dall’UE per un importo di 13,1 milioni di euro. 

Dopo gli incontri, il commissario europeo Oliver Varhelyi ha detto di sperare che la prossima Commissione europea veda l’adesione della Serbia al blocco, ma ha sottolineato che la Serbia deve continuare con le riforme democratiche e allineare maggiormente la sua politica estera a quella dell’UE.

“È chiaro che abbiamo bisogno che le riforme democratiche vadano avanti”, ha detto Varhelyi e ha aggiunto: “Non si può dimenticare la necessità di allinearsi ulteriormente alla politica estera dell’UE, anche questo è un aspetto che abbiamo discusso e per il quale abbiamo bisogno che la Serbia vada avanti e che adegui sempre di più la sua politica estera alla politica estera dell’UE”.

Vučić ha detto di credere che gli sforzi della Serbia per entrare nell’Unione non saranno ostacolati, ma è rimasto vago sui cambiamenti politici effettivi.

“Non sono sicuro che sia possibile fare previsioni per molti anni, ma ci prepareremo ad essere più vicini (ai negoziati) e spero che se ciò che Oliver Varhelyi ci ha giustamente rimproverato, cioè la nostra non conformità alla loro politica estera, non sarà un ostacolo”, ha detto.

(Voice of America, 14.05.2024)

https://www.glasamerike.net/a/vucic-varhelji-poseta-plan-rasta-pridruzivanje-srbija-zapadni-balkan-evropska-unija-eu/7609295.html

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top