Il Premier francese Valls a Belgrado

Il Primo Ministro transalpino ha incontrato il proprio omologo Aleksandar Vucic, con cui ha discusso soprattutto di temi economici, e ha aperto il Summit economico franco-serbo. Durante il primo giorno della visita, sono stati firmati sei accordi, tra cui due memorandum sulla costruzione della metropolitana e sull’ampliamento dell’aeroporto della capitale serba.

Manuel Valls è giunto nel pomeriggio a Belgrado, dove trascorrerà le prossime 48 ore; ad attenderlo al Palazzo Serbia, sede di Ministeri e altre istituzioni nazionali, vi era il Premier Vucic. La delegazione transalpina è composta dai rappresentanti delle 34 maggiori compagnie del Paese, interessati a possibili investimenti: a tal proposito sono stati sottoscritti sei accordi, i più significativi dei quali sono quelli che riguardano la metropolitana di Belgrado (Vucic ha affermato che i lavori di realizzazione dovrebbero iniziare nel 2016) e l’ampliamento dello scalo aeroportuale della capitale. Vucic ha dichiarato di attendere investimenti dalla Francia e si è detto convinto che, dopo questa visita, gli imprenditori francesi torneranno a casa ancora più soddisfatti di quanto si attendessero.

I due Premier hanno ribadito i profondi legami che uniscono i rispettivi Paesi: Vucic ha inoltre ringraziato Valls per il sostegno dato al proprio Paese dalla Francia lungo il percorso di integrazione europea, mentre il Primo Ministro francese ha affermato che i rapporti tra Serbia e Francia “vanno rafforzati attraverso più stretti legami economici”.

Per quanto riguarda le questioni politiche, Vucic ha ribadito ancora una volta che l’ingresso in Europa è un obiettivo strategico della Serbia, ma che allo stesso tempo Belgrado non introdurrà sanzioni nei confronti della Russia (pur riconoscendo l’integrità territoriale dell’Ucraina). Valls, dal canto suo, si è detto orgoglioso del fatto di essere il primo funzionario francese di così alto rango a fare visita alla Serbia, chiosando l’affermazione scolpita sul monumento dedicato alla Francia a Kalemegdan (“Amiamo la Francia così come lei ci ha amato”): “In nome di quella frase, volgiamoci insieme e in modo deciso verso il futuro”.

(RTS, 06.11.2014)

Share this post

scroll to top
More in aeroporto nikola tesla, Aleksandar Vucic, Belgrado, Francia, investimenti
Il Governo costituisce il Comitato Nazionale per gli Investimenti
ENI si ritira dal South Stream?
Close