Il potenziale dell’apicultura serba

Ogni anno in Serbia si producono dalle cinque alle novemila tonnellate di miele, di cui un terzo viene esportato nei paesi dell’Unione europea, del nord Africa, in India e in Giappone.

Alla riunione organizzata dall’Accademia serba delle scienze e arti, “Apicoltura in Serbia” viene valutato che l’incasso dall’esportazione di miele potrebbe essere maggiore rispetto a quello dall’esportazione di lamponi e carne. Il miele prodotto in Serbia è di alta qualità e c’è molta domanda in Norvegia e negli altri paesi europei. Inoltre, negli ultimi tempi, è aumentata anche la domanda e l’interesse verso il miele serbo nei paesi arabi. Per l’ottima qualità del miele serbo, l’apicolutura potrebbe diventare una professione redditizia. 

Contestualmente alla registrazione delle imprese che si occupano della vendita di miele nei paesi europei, cresce anche la domanda di questo prodotto serbo e le aspettative del suo posizionamento nel mercato europeo sono reali, in particolare tenendo in riguardo che il prezzo di miele nell’Ue è più alto rispetto al prezzo in Serbia.

Affinchè l’apicultura diventerà una professione redditizia, lo Stato dovrebbe dare vari incentivi per il suo sviluppo e miglioramento, hanno concluso i partecipanti di questa riunione, in particolre hanno richiesto un piano statale quinquennale per portre il numero degli alveari a un milione e la produzione a 10.000 tonnellate all’anno.

(Vesti, 07.10.2015.)

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top