Il PIL pro capite della Serbia raggiungerà i $ 10,400 entro il 2023

Durante la sua visita ufficiale in Serbia, il Fondo Monetario Internazionale confermò che la crescita del paese nel 2019 sarebbe stata pari ad almeno il 3,5%, ha dichiarato oggi il ministro delle Finanze, Sinisa Mali.

Mali ha anche sottolineato che per il paese è molto importante che il FMI avesse confermato la prognosi dello stato in relazione alla crescita economica del paese.

Il ministro ha ricordato che il paese ha registrato una crescita economica di circa il 4,3% nel periodo passato.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

“Quest’anno sarà almeno del 3,5%, che è molto importante per i piani delle banche. Sia il Fondo Monetario Internazionale che la Banca mondiale prevedono che la Serbia sarà il paese con l’economia in più rapida crescita nella regione, entro il 2023”, ha affermato.

Egli ha aggiunto che il tenore di vita sarebbe anche cresciuto in modo significativo, dal momento che la prognosi del FMI e della Banca mondiale mostra che il PIL pro capite, che si aggirava intorno ai 7.200 USD nel 2018, sarebbe intorno ai 10.400 USD nel 2023, con un aumento del 44%.

Mali afferma che il compito più importante per lo stato è quello di formare un mercato attraente e che, dopo il consolidamento fiscale e l’ulteriore mantenimento della stabilità macroeconomica, il governo abbia tre priorità cruciali: aumentare gli stipendi dei dipendenti pubblici e le pensioni, aumentare il consumo personale stimolando gli investimenti di capitale e, continuare con la riduzione dell’imposta sui salari.

Per quanto riguarda gli investimenti di capitale dello Stato, Mali ha affermato che l’anno 2019 si è rivelato finora un anno record in termini di importo stanziato, poiché oltre 220 miliardi di dinari del bilancio statale sarebbero stati spesi per investimenti di capitale. Egli ha aggiunto che oltre 250 miliardi di dinari sono stati pianificati per il 2020.

“Continueremo a ridurre la tassazione dei salari. L’anno scorso abbiamo eliminato l’obbligo per i datori di lavoro di pagare lo 0,75% di assistenza per i disoccupati. Quest’anno, mi aspetto un’ulteriore riduzione di almeno un punto percentuale”, ha affermato il ministro delle Finanze.

Sinisa Mali ha anche sottolineato che un forte settore bancario è stato fondamentale per la crescita reale dell’economia serba.

https://www.b92.net/biz/vesti/srbija.php?yyyy=2019&mm=05&dd=20&nav_id=1544493

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in Banca Mondiale, FMI, PIL
Il FMI chiede l’aumento dei prezzi dell’elettricità e la riorganizzazione dell’EPS

In media, ogni cittadino serbo deve alla banca 1.000 euro

Close