Il PE adotta una raccomandazione sulla Serbia

Il Parlamento europeo ha adottato una raccomandazione per continuare i negoziati di adesione con la Serbia solo se il Paese si allinea alla politica di sanzioni dell’Unione europea contro la Russia.

“Sottolineando l’importanza per l’UE di dare priorità all’allineamento dei Paesi in via di adesione con la politica estera e di sicurezza comune dell’UE, gli eurodeputati affermano che i negoziati di adesione con la Serbia dovrebbero avanzare solo se il Paese sostiene le sanzioni dell’UE contro la Russia e fa progressi significativi nelle riforme relative all’UE”, si legge in un comunicato stampa dopo l’adozione della raccomandazione a maggioranza.

Le autorità serbe hanno evitato di introdurre sanzioni contro la Russia dopo l’invasione dell’Ucraina. La Belgrado ufficiale ha intrattenuto stretti rapporti con il Cremlino perché la Russia ha sostenuto la sua posizione sul Kosovo.

Oltre 500 eurodeputati hanno votato a favore dell’imposizione delle sanzioni contro la Russia e di progressi nelle riforme dell’UE come condizioni per l’avanzamento dei negoziati con la Serbia.

Il documento non è legalmente vincolante per le istituzioni europee e gli Stati membri, ma fornisce le raccomandazioni del Parlamento europeo per la futura politica di allargamento dell’Unione europea (UE).

Il Parlamento europeo ha anche adottato una risoluzione che “riconosce la Russia come Stato sponsor del terrorismo” e chiede l’isolamento del Paese, si legge in un comunicato stampa.

(N1, 23.11.2022)

https://rs.n1info.com/vesti/ep-napredak-srbije-ka-eu-i-pristup-fondovima-samo-ako-usvoji-sankcije-rusiji/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top