Il Patriarca serbo Irinej è morto stamattina

Il capo della Chiesa ortodossa serba, il Patriarca Irinej, è morto stamattina alle ore 7 e 7 minuti, ha annunciato la Chiesa ortodossa serba.

“Venerdì 20 novembre 2020, alle ore 7.07 presso l’ospedale militare Covid “Karaburma” di Belgrado, si è spento Sua Santità Arcivescovo di Peja, Metropolita di Belgrado e Karlovac e Patriarca serbo Irinej (Gavrilović)”, ha annunciato la Chiesa ortodossa.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

La notizia è stata pubblicata per la prima volta dal Presidente della Serbia, Aleksandar Vučić, sul suo profilo Instagram.

“Sono onorato di averti conosciuto. Le persone come te non se ne vanno mai”, ha scritto Vučić sul suo profilo Instagram. Vučić è stato anche il primo a confermare la morte del capo della Chiesa ortodossa serba.

Il capo della Chiesa ortodossa serba era nato nel villaggio di Vidova, vicino a Čačak, nel 1930 da padre Zdravko e madre Milijana. Al suo battesimo, era stato chiamato Miroslav. Aveva terminato la scuola elementare nel suo villaggio natale e poi la scuola superiore a Čačak. Dopo il diploma di scuola superiore, si era iscritto e diplomato al seminario di Prizren, e poi alla Facoltà di Teologia di Belgrado. Dopo essersi diplomato era entrato nell’esercito. Al suo ritorno dall’esercito, era stato presto nominato vice (professore) del seminario di Prizren. Nell’ottobre 1959, nel monastero di Rakovica, aveva ricevuto il grado monastico dall’allora patriarca Germana, prendendo il nome monastico di Irinej.

Al Santo Sinodo dei Vescovi della Chiesa Ortodossa Serba, il 22 gennaio 2010, era stato eletto Arcivescovo di Peja, Metropolita di Belgrado e Karlovac e Patriarca della Serbia.

Già ieri era stata pubblicata la notizia della morte del Patriarca a causa di complicanze dovute al coronavirus. Per il sito “Nova.rs”, ciò era stato confermato da diverse fonti indipendenti, fonti della Chiesa ortodossa serba, tra cui un vescovo, nonché fonti vicine ai medici dell’ospedale dove il Patriarca era in cura.

“Nova.rs”, nonostante le numerose conferme sulla morte del Patriarca, avvenuta intorno a mezzogiorno del giorno prima, ha deciso di attenersi alla versione ufficiale per rispetto della Chiesa ortodossa serba e dei fedeli.

Anche diversi media vicini alle autorità, “Novosti.rs, Republika.rs, Informer.rs e Objektiv.rs”, avevano diffuso la notizia della morte del patriarca il giorno prima, dopodiché l’avevano ritirata rapidamente e dichiarato che era in gravi condizioni.

SPC: Umro patrijarh Irinej

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in chiesa ortodossa serba, coronavirus
Una tantum di 10.000 dinari a chi combatte contro il coronavirus

L’export in Italia crollato del 25% durante la pandemia

Close