Il paniere di consumo e l’aumento dei prezzi in Serbia

I prezzi sono aumentati in modo significativo a livello globale negli ultimi mesi. Il petrolio da solo è aumentato del 50%. Anche in Serbia la tendenza all’aumento dei prezzi si sente e il paniere di consumo si svuota sempre di più. Cosa ci aspetta? Gli economisti non sanno dirlo, tutto dipende da cosa succederà in autunno.

I prezzi di giugno erano più alti in media del 3,3% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Il petrolio costa il 18% in più rispetto a un anno fa, il carburante è aumentato del 22% e i trasporti di quasi il 15%. E rispetto a maggio 2021, i prezzi sono aumentati.

Il mese scorso è stato necessario mettere da parte lo 0,7% in più di soldi per i trasporti rispetto al mese prima, lo 0,3% in più per assistenza sanitaria, bevande alcoliche, tabacco, vestiti e scarpe dello 0,2% ciascuno, appartamento, acqua, elettricità , gas e altri combustibili sono dello 0,1% più costosi.

“Quest’estate sarà molto turbolenta, quello che noi consumatori sperimenteremo nessuno può prevederlo. Sarebbe molto brutto, per non dire disastroso, che questa tendenza all’aumento dei prezzi continuasse”, ha affermato Zoran Nikolic dell’Organizzazione nazionale per la protezione dei consumatori.

Il Ministero del Commercio, del Turismo e delle Telecomunicazioni afferma che l’aumento dei prezzi è a livello globale. “I prezzi del petrolio e dei prodotti agricoli primari sul mercato mondiale sono in aumento e ciò si riflette sul mercato interno. Analizzando i prezzi, si può affermare che la stabilità dei prezzi è stata preservata, così come che il tasso di cambio è relativamente stabile”.

Cene rastu, korpe praznije: Udar na potrošačku korpu nije zaobišao ni Srbiju

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top