Il Ministero dell’agricoltura frena sugli OGM in Serbia

Il ministro dell’agricoltura Dragan Glamocic ha dichiarato che, nonostante la decisione dell’Unione Europea di consentire la coltivazione del mais geneticamente modificato, la Serbia non introdurrà questo tipo di coltivazione nel Paese.

Glamocic ha ricordato l’importanza dell’autonomia di cui godono sia i Paesi UE e i Paesi come la Serbia su temi sensibili come questi. Una settimana fa, dal consiglio dei ministri europei è arrivato il via alla coltivazione del nuovo tipo di mais OGM TC 1507, prodotto dalla società statunitense Pionir. Durante la presentazione del Piano di Strategia Agricola e Sviluppo Rurale della Serbia 2014/2024, tenutasi presso la Facoltà di Studi Agrari di Belgrado, il ministro ha sottolineato l’importanza di questo documento per gli agricoltori, illustrando le linee guida e i punti salienti dei prossimi anni 10 anni nel settore agricolo, e ponendo in luce quello che sarà  il ruolo dello stato sulle politiche agricole. Glamocic ha tenuto a precisare che all’interno del Piano viene definito anche il quadro del bilancio per l’agricoltura fino all’adesione all’UE ed ai fondi europei.

dragan glamocic

Share this post

scroll to top
Read previous post:
La Streit Nova apre una fabbrica di componenti auto a Stara Pazova
Il minimo salariale in Serbia è il più basso della regione
Close