Il mercato immobiliare sta calando dopo due anni di intensa crescita

Nel quarto trimestre dell’anno scorso sono stati spesi complessivamente 1,7 miliardi di euro per l’acquisto di immobili, il 22% in meno rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, mentre il 40% in più rispetto allo stesso periodo del 2019, secondo i dati raccolti dall’Autorità Geodetica Statale (RGZ).

Il numero totale di transazioni nel mercato immobiliare nel quarto trimestre dello scorso anno è stato di 32.069, che è il 6,7% in più rispetto al 2019, ma il 14,3% in meno rispetto al quarto trimestre dell’anno precedente.

Su un totale di 1,7 miliardi di euro, 534,1 milioni di euro sono stati spesi per l’acquisto di proprietà non registrate nei libri fondiari.

La quota maggiore nel totale delle vendite è stata attribuita alla vendita di appartamenti (871,5 milioni di euro), una quota del 51%, che è del 4% in meno rispetto al quarto trimestre del 2022. 134,1 milioni di euro (otto percento del valore totale) sono stati spesi per l’acquisto di case, 131 milioni di euro (otto percento del valore totale) per terreni edificabili, 100,7 milioni di euro (sei percento del valore totale) per locali commerciali e 80 milioni di euro (cinque percento del valore totale) per terreni agricoli.

Solo il 7% di tutti gli immobili acquistati è stato pagato con denaro proveniente da un prestito bancario, il 2% in meno rispetto al 2022.

(Nova Ekonomija, 22.02.2024)

https://novaekonomija.rs/vesti-iz-zemlje/rgz-smiruje-se-trziste-nekretnina-nakon-dvogodisnjeg-intenzivnog-rasta

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top