Il mercato del lavoro dopo lo stato di emergenza

L’anno precedente è stato segnato dalla pandemia di COVID-19, che ha avuto un grande impatto sul mercato del lavoro in Serbia.

Durante lo stato di emergenza, il mercato del lavoro in Serbia era fermo, ma dopo la sua abolizione è iniziato un adeguamento alla nuova situazione. La novità nel business è dovuta alle misure epidemiologiche e l’enfasi è posta sul lavoro da casa; l’elenco delle professioni più ricercate include posizioni come venditori, corrieri / addetti alle consegne, ma anche lavoratori nei call center.

Nel 2020, il commercio, le vendite, l’informatica, l’ingegneria meccanica, l’amministrazione e l’ingegneria elettrica, i magazzini, l’edilizia, i trasporti e i call center erano in cima alla lista delle aree più ambite. Quando si tratta di posizioni lavorative individuali, i venditori, i venditori, i magazzinieri, gli autisti e gli operatori telefonici hanno avuto le maggiori opportunità di lavoro l’anno scorso.

Il campo IT è ancora molto carente, quindi è difficile per i datori di lavoro trovare un candidato di qualità, soprattutto di anzianità media o superiore. Le posizioni di cui i datori di lavoro IT avevano più bisogno erano sviluppatore JavaScript, sviluppatore Java, help desk IT, sviluppatore Net e sviluppatore PHP.

Quando si parla di carenza di personale, il mercato del lavoro in Serbia manca di molte occupazioni artigianali, come parrucchieri, cuochi, meccanici di automobili, falegnami, falegnami e commercianti. Secondo il sito web “Infostud”, da anni l’offerta di queste professioni è maggiore della richiesta.

“In quasi 42.000 annunci di lavoro, tanti quanti sono stati nell’anno alle nostre spalle, c’è una maggiore domanda di candidati con istruzione secondaria, fino al 60%. La scuola superiore o l’università è richiesta nel 29% degli annunci pubblicizzati e il master solo nell’8%. Al contrario, il numero di candidati in cerca di lavoro è in gran parte composto da persone altamente qualificate (50%), mentre solo un quarto di loro ha un diploma di scuola superiore”, si legge nel sito.

L’inglese rimane la lingua straniera più ricercata, quindi ben un quinto degli annunci erano per questa lingua. In misura minore, sono richieste la conoscenza del tedesco, russo e ungherese.

https://www.ekapija.com/news/3147042/koji-kadar-nedostaje-na-trzistu-rada-srbije

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... COVID, Infostud, mercato lavoro
In primavera la Grecia aprirà ai serbi?

Vacanze in Grecia possibili con il vaccino

Chiudi