Il lavoro e gli appalti della società “EP” fuori controllo

Il rapporto sulla regolarità delle operazioni della società di fornitura di energia elettrica EP “Elektroprivreda Srbije” nella parte relativa ai compensi in base a contratti di lavoro al di fuori del lavoro nel 2019 e agli appalti pubblici per il 2018 e il 2019, fatto dall’Istituto statale di controllo, mostra che questa società ha contratto durante questi due anni appalti pubblici per 31,53 miliardi di dinari (circa 265 milioni di euro) senza IVA in violazione delle disposizioni della legge sugli appalti pubblici.

Inoltre, avrebbe stipulato un contratto per l’acquisto di servizi per un valore di 1,64 miliardi di dinari, per il quale non ha annunciato offerte, sebbene, come affermato nel rapporto, “non vi fosse alcuna base per l’esenzione dall’applicazione della legge sugli appalti pubblici”.

Per quanto riguarda l’occupazione sulla base di contratti per lavori temporanei, il rapporto ha rilevato che nel 2019 sono stati pagati, fuori legge, 45,8 milioni di dinari per almeno 1.049 persone, che non svolgevano lavori di carattere temporaneo.

Inoltre, da più di quattro anni la stessa persona svolge la funzione di sostituto amministratore della società, sebbene secondo la legge sul potrebbe farlo per un massimo di un anno.

Inoltre, né il presidente né i membri del Consiglio di sorveglianza sono in regola, perché il loro mandato è scaduto nel 2018 e continuano a svolgere la loro funzione.

La maggior parte delle violazioni è stata riscontrata nella valutazione del valore degli appalti pubblici, poiché per 23 appalti del valore di 14,1 miliardi di dinari, la società non ha dimostrato come ha determinato il valore stimato.

Per otto appalti pubblici del valore di 9,2 miliardi di dinari, i revisori dei conti non hanno ricevuto prove che gli appalti pubblici fossero pianificati secondo i criteri per la pianificazione degli appalti e che tali appalti fossero realmente necessari.

In caso di appalti con un valore concordato di due miliardi di dinari, la descrizione della voce indicata nel bando e nella documentazione di gara non corrisponde all’oggetto dell’appalto specificato nella specifica tecnica della documentazione.

Inoltre, la società ha concluso contratti di appalto pubblico in nove procedure di appalto pubblico per un valore di 6,2 miliardi di dinari con offerenti le cui offerte contenevano delle carenze significative, a causa delle quali dovevano essere respinte in quanto inaccettabili.

https://www.danas.rs/ekonomija/eps-potrosio-250-miliona-evra-krseci-zakon-o-javnim-nabavkama/

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... appalti pubblici, contratti, EP
L’azienda “Putevi Srbije” sotto la lente dei revisori dei conti

TS: “Importante divulgare le informazioni sugli acquisti dei respiratori durante l’emergenza”

Chiudi