Il grano proveniente dalla Serbia è il più costoso della regione

Il prezzo del grano nazionale ha raggiunto il suo massimo degli ultimi cinque anni, il che è contrario alla situazione su altri mercati.

Per un chilogrammo di cereali la scorsa settimana, i consumatori pagavano dai 23,5 ai 24,1 dinari, IVA esclusa, che sarebbe il 35,6% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

“La Serbia ha ora il grano più costoso nella regione, e probabilmente anche il più costoso d’Europa. Questo buon prezzo non è stato registrato dal marzo 2013, ed è favorevole per i produttori nazionali, ma rende anche il nostro grano completamente non competitivo per le esportazioni”, dice Vukosav Sakovic, direttore dell’Associazione serba di cereali, riporta il SEEbiz.

Sakovic spiega che il raccolto dello scorso anno è stato da record in termini di quantità, ma che la qualità di parte del raccolto è stata scarsa: “Le conseguenze si vedono in questo ultimo mese. L’offerta di grano di qualità è bassa, il che ha drasticamente aumentato il prezzo”.

Secondo lui, si è constatato che per i mugnai, anche con il pagamento delle dogane, è più conveniente importare quantità minori di grano di qualità dall’Ungheria.

L’associazione di Zito Srbije, ha recentemente annunciato che prevede che quest’anno la Serbia avrà più di un milione di tonnellate di grano per il mercato. I maggiori concorrenti nella regione sono la Croazia, l’Ungheria, la Romania e la Bulgaria.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

“Il raccolto di quest’anno è in ritardo e inizierà tra circa dieci giorni. Per quanto riguarda le quantità, questo sarà un anno medio. È ancora troppo presto per parlare di qualità“, dice Sakovic, e sottolinea che è previsto un buon raccolto nel mondo, il che indica che non ci sono ragioni particolari per aumentare i prezzi del grano sul mercato mondiale.

Egli aggiunge che i mercati locali, come il nostro, stanno rispondendo alla legge della domanda e dell’offerta, ma ritiene che sia insostenibile nel lungo periodo se i produttori hanno obiettivi di esportazione: “Ora non siamo concorrenti e non possiamo vendere quasi nulla: il mercato dovrà prima o poi apportare aggiustamenti di prezzo, e adattarsi ai cambiamenti che si verificano sul mercato internazionale”.

Secondo l’Associazione, la Serbia ha attualmente scorte di circa 500.000 tonnellate di grano di scarsa qualità, che i mugnai non usano, e che finiranno nei mangimi per animali o saranno esportati ad un prezzo inferiore.

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... agricoltura, Associazione serba di cereali, grano
Gli OGM, il latte e la peste suina frenano il cammino della Serbia verso l’UE

In Serbia forte uso dei pesticidi nell’agricoltura – Le mele vengono trattate circa 16 volte

Chiudi