Il Governo serbo formerà un team di esperti per prevenire la fuga di cervelli

ll ministro del Lavoro, Zoran Djordjevic, ha annunciato che dal 1° gennaio sarà formata una squadra di persone eminenti che aiuterà il governo proponendo nuove misure affinché i giovani rimangano nel paese, ma anche per rimpatriare quelli che sono andati all’estero.

Il ministro Djordjevic ha detto che in occasione della nuova Legge tedesca sull’immigrazione, che faciliterà l’impiego di cittadini di altri stati in quel paese, e anche di quelli che provengono da paesi che non sono membri dell’Unione europea. Questa legge aumenterà la possibilità che i cittadini della Serbia in gran numero scelgano di andare in Germania.

“Non staremo a guardare senza fare qualcosa. Presso il Dipartimento del lavoro abbiamo deciso di formare un team che dal 1° gennaio si occuperà di questi problemi. Dal SANU, alle università, alle organizzazioni non governative, il NALED, i sindacati ed altri … tutti aiuteranno il governo con determinate misure e trovaranno un modo per adattarsi alle nuove condizioni”, ha detto Djordjevic.

Secondo il ministro, l’obiettivo non è solo creare le condizioni per far sì che i giovani rimangano nel paese, ma anche creare le condizione per far tornare molti serbi nel loro paese, mostrando a loro che possono avvere ottime condizioni per vivere e lavorare anche qui i Serbia.

“Abbiamo una possibilità per questo, perché lo stato è in fase di sviluppo”, ha detto Djordjevic, aggiungendo che, d’altra parte così potremmo persino attrarre altri lavoratori a venire in Serbia.

Alla domanda su quanti lavoratori e quali professioni finora sono emigrate in Germania, Djordjevic ha detto che non ci sono dati precisi, perché molte persone vanno senza l’aiuto di un agenzia, dunque non sono registrati.

Si ricord che la Legge tedesca sulla migrazione di manodopera qualificata proveniente da altri paesi, compresi quelli che non sono membri dell’UE, entrerà in vigore il 1° gennaio 2020. L’Associazione dei sindacati liberi e indipendenti (ASNS) stima che la Serbia rimarrà senza 200.000 lavoratori, per lo più medici, tecnici medici, autisti professionisti e artigiani di tutti i profili.

 
Photo Credits:”Ilustracija”
 
https://www.021.rs/story/Info/Srbija/204619/Odgovor-drzave-na-masovni-odlazak-radnika-formira-se-tim-za-odliv-mozgova.html?fbclid=IwAR3cCAlgW9ldje-D3ciQgZ4muNCe8K36wzCw6WuqrIAPitjfNBEZaVFTg04

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top