Il governo ha reso il vescovo Grigorije un nemico dello Stato

Il linciaggio mediatico a cui è esposto il vescovo di Dusseldorf e di tutta la Germania, Grigorije Durić, assume di giorno in giorno contorni sempre più pericolosi. La caccia, condotta ininterrottamente dai media del regime, è stata seguita da un video in cui viene presentato come un “vescovo che ha seppellito un patriarca vivente”, seguito da un invito diretto al suo omicidio.

Tuttavia, la campagna diffamatoria non ha provocato reazioni da parte delle autorità ecclesiastiche, né delle strutture statali, e quindi si pone la questione se sia necessario che qualcuno metta in pericolo fisicamente il vescovo per vedere la gravità del linciaggio a cui è stato esposto.

Che la situazione sia grave è confermato dal fatto che in tutti i media filogovernativi non passa giorno senza che si scoprano alcune “nuove informazioni” su Grigorije, che i rappresentanti del governo affermano sarà il candidato dell’opposizione alla presidenza.

Tuttavia, prima della corsa presidenziale, l’elezione del patriarca della Chiesa ortodossa serba è una delle questioni sociali più importanti, e tenendo presente il fatto che il vescovo Grigorije ha un’influenza molto forte tra i vescovi, si è deciso di fare tutto il possibile per ridurre le possibilità che venga eletto un uomo contrario al governo.

Ecco perché il confronto con questo vescovo, che ha ripetutamente detto ciò che pensa dell'”età dell’oro della Serbia”, si fa sempre più acuto e pericoloso. Sebbene il motivo sia un’intervista rilasciata quasi un mese fa, il fatto che Grigorije stia minacciando i piani del regime sui due fronti è una ragione più che sufficiente per presentare un sacerdote dell’Erzegovina come il più grande nemico della Serbia e un uomo che “divide i fedeli” .

E la matrice è sempre la stessa: l’avversario prima viene trascinato attraverso il fango dei media, in modo che dalle frequenze nazionali alcune autorità presentino “fatti sconosciuti”, cioè dati falsi della sua biografia. Se questo non basta, si passa alla registrazione di video in cui autori coraggiosi e sconosciuti mettono in discussione le caratteristiche umane della vittima della persecuzione, che è anche un invito aperto al linciaggio. Chi non lo capisce, si ricordi come è morto Oliver Ivanović.

Ecco perché il messaggio inviato dai difensori del regime in questi giorni è molto più pericoloso dei soliti attacchi mediatici. Non perché la vittima in questo caso sia un uomo di Chiesa, ma per il fatto che gli ispiratori di una simile campagna sono coloro che, invece di garantire sicurezza e libertà a ogni uomo, fanno della Serbia uno Stato in cui la violenza è una via legittima per combattere e prendere di mira gli oppositori, e le minacce di morte sono un mezzo giustificato per proteggere gli interessi “nazionali” e di partito.

Dato che le storie inventate sull’evasione, le relazioni amorose, le conoscenze criminali cominciavano a essere controproducenti, gli organizzatori della caccia contro il vescovo hanno deciso di approfittare del fatto che lui non condivide la visione della Serbia “progressista” e della Chiesa e quindi contrassegnarlo come traditore, creando così l’impressione che sia un atto patriottico rimuovere una persona del genere.

Vlast je od Grigorija napravila državnog neprijatelja

 

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... Chiesa, minacce, Regime
Il regime beneficia delle lotte interne all’opposizione

Jugoslav Cosic: lo stato sta conducendo una campagna contro i nostri giornalisti di N1

Chiudi