Il governo accetta l’offerta di Esmark per l’Acciaieria di Smederevo

Oggi il Governo serbo ha accettato l’offerta dell’azienda Esmark Europe con sede ad Amsterdam per il partenariato strategico nell’Acciaieria Smederevo, e così il passo successivo saranno le trattative con l’offerente scelto ai fini della stipula del contratto, viene comunicato dall’Ufficio per le relazioni con i media del Governo.

Il Governo ha accettato l’offerta di Esmark dopo la considerazione del rapporto redatto dalla Commissione per l’implementazione del modello di partenariato strategico nel processo di privatizzazione dell’Acciaieria.

Infatti, precedentemente erano stati pubblicati due bandi per la privatizzazione dell’Acciaieria dcui non  aveva risposto nessun offerente. Al terzo bando, pubblicato a dicembre, sono stati registrati tre offerenti tra i quali l’unica offerta valida era quella di Esmark.

Atraverso il bando pubblico per la scelta del partner strategico per la ricapitalizzazione dell’Acciaieria è stata offerta la vendita della quota dell’80,01% del capitale sociale dell’impresa siderurgica, mentre il proprietario del restante 19,99% rimarrebbe lo Stato.

Il Fondatore della Esmark Steel Group, James Bushar, ha detto che se la sua azienda vincesse questo bando, investirà nell’acciaieria serba 400 milioni di dollari nei prossimi anni, nonché non ci sarebbero licenziamenti.

Bushar ha detto che la Esmark investirebbe 28 milioni di dollari nel corso del 2015, per avviare il funzionamento del secondo altoforno che non funziona da un lungo periodo di tempo. Inoltre, si investirebbe anche nell’altoforno centrale.

Dopo il fallimento, l’acciaieria fu venduta prima all’azienda americana “US Steel” per 23 milioni di dollari e fino all’inizio del 2012 era risultata essere un gran esportatore, capace di totalizzare fino al 13% delle esportazioni totale della Serbia.

Dopo, a gennaio 2012 il Governo serbo ha ricomprato l’Acciaieria dall’americana “US Steel” per l’importo simbolico di un dollaro.

Ora, lo Stato aiuterà la produzione nell’Acciaieria di Smederevo con un contributo di 10 milioni di dollari.

(Blic, 12.01.2014.)

Share this post

scroll to top
More in governo, privatizzazioni
L’FMI rimanda a febbraio il giudizio sull’accordo con la Serbia
Il Fondo per lo Sviluppo della Vojvodina mette a rischio l’arrivo della Ferrero

Close