Il gas russo dalla Bulgaria alla Serbia entro maggio 2020

Secondo il Primo Ministro bulgaro Bojko Borisov, il flusso del gas attraverso il “Turkish Stream” arriverà attraverso la Bulgaria fino in Serbia entro il maggio del 2020; ogni giorno vengono realizzati cinque chilometri di nuovo gasdotto.

“Se facciamo la nostra parte di lavoro insieme alla Serbia, con i nostri gasdotti, le autostrade e ferrovie faremo affari. Entrambi i Paesi addebiteranno delle commissioni”, ha detto Borisov a “TV Prva”.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Secondo lui, in caso di crisi del gas, la Bulgaria ha un contratto con la Russia fino al 2030 per la fornitura di gas dalla Turchia.

“Inoltre, la Bulgaria può trasportare gas da altri Paesi e insieme alla Serbia fornirà tutta l’Europa”, ha affermato Borisov, sottolineando l’importanza delle infrastrutture stradali e ferroviarie.

“Il corridoio 10 si è iniziato a costruire nel 1970. Tuttavia, la Bulgaria intenzionalmente non lo costruì in quel momento. A causa dell’allora situazione politica e della “cortina di ferro”. Adesso le cose stanno cambiando”, ha detto Borisov.

Lo stesso politico ha affermato che il braccio orientale del Corridoio 10, realizzato dalla Serbia, è molto significativo per la Bulgaria perché collega i porti di Varna e Burgas all’Europa occidentale, e il suo Paese sta completando le ultime sezioni del corridoio che sarà completato entro il 2021.

“Questa strada ci porta a ovest e vi collega a est, ai nostri porti e alla Turchia. Rinnoveremo anche il trasporto ferroviario, con nuovi treni che saranno in grado di trasportare rapidamente merci a una velocità di circa 180 chilometri l’ora”, ha concluso Borisov.

http://www.politika.rs/sr/clanak/441662/Gas-iz-Bugarske-u-Srbiju-do-maja-2020-godine

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
Altro... Bojko Borisov, Bulgaria, gas, Serbia
Lavoro per 100 persone a Svilajnac grazie a un’azienda italiana

I cittadini serbi sarebbero felici di avere uno stipendio di 600 euro, i croati di 1.300

Chiudi