Il fondo “Mid Europa Partners” investe in Serbia 100 milioni di euro

Il fondo di investimento con sede a Londra “Mid Europa Partners”, il quale di recente ha rilevato tre società serbe, la “Imlek”, la “Bambi” e la “Knjaz Milos”, ha annunciato che  nel corso dei prossimi quattro o cinque anni investirà nel loro sviluppo 100 milioni di euro.

“Queste tre società, oltre alle aziende lattiero-casearie di proprietà della “Imlek” in Macedonia, in Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina e in Montenegro, già parte del “Danube Foods Group” acquistato dal fondo “Mid Europa Partners” per 575 milioni di euro, da oggi opereranno sul mercato con il nome commerciale ‘I miei marchi”, è stato annunciato in una conferenza stampa a Belgrado e riportato dall’agenzia di stampa”Beta”.

Alla transazione, oltre a “Mid Europa Partners”, hanno partecipato la Banca europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS) e le principali banche europee: la “UniCredit”, la “Raiffeisen”,  l’ “ING”, la “BNP” e la “Citi”, come anche il partner serbo Andrej Jovanovic, che sarà il direttore generale della società “I miei marchi.”

Il fondatore del Fondo “Mid Europa Partners” Thierry Baudon ha detto che questo è il più grande fondo di investimento in Europa centrale e orientale e che il suo piano è di operare in Serbia a lungo termine. “Siamo qui da 16 anni e abbiamo intenzione di rimanerci nei prossimi 16 anni. Gran parte del nostro personale proviene da questa parte della regione, il che garantisce sulla volontà della nostra società di impegnarsi a lungo termine in questo paese, nonchè nei paesi vicini. La prima volta che abbiamo investito in Serbia è stata nel 1983, quindi non dovrei dimostrare il mio amore per la Serbia. Portiamo non solo persone che sono disposte a lavorare, ma anche l’etica del lavoro che è importante per la Serbia “, ha detto Baudon.

Robert Knorr, specialist del monitoraggio direzionale degli investimenti del fondo “Mid Europa Partners” ha ricordato che  la televisione via cavo e il provider di servizi internet in Serbia “SBB”(Serbia Broadband) era in loro possesso fino all’anno scorso ed erano orgogliosi del successo che hanno ottenuto. “Ora siamo ritornati in Serbia dove ci sentiamo come a casa, pensiamo di capire il mercato, conosciamo i giocatori e collaboriamo con le persone di successo”, ha detto Knorr, aggiungendo che il desiderio di questo fondo di investimento è che la”Imlek”, la “Bambi” e la “Knjaz Miloš” diventino società “più forti” e che abbiano beni e prodotti di più alta qualità.

Il direttore della “BERS” per la Serbia Mateo Patrone ha ricordato che la Banca europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo è uno dei maggiori investitori in Serbia e che dal 1981 in questo mercato sono stati  investiti 3,8 miliardi di euro.  “Con il fondo “Mid Europe” abbiamo  investito, perché si adatta perfettamente alla nostra strategia in questo paese. Uno dei tre pilastri della nostra strategia è quello di aumentare la competitività delle aziende private con particolare attenzione al settore agricolo, e penso che questo investimento contribuirà ad attirare ulteriore capitale nel paese” ha detto Patrone.

I nuovi direttori generali della “Imlek”, della”Bambi” e della “Knjaz Milos” Ilija Šetka, Bojan Radun e Miloš Stojisavljević, hanno annunciato lo sviluppo, l’espansione e il miglioramento, sia delle compagnie sia dei loro marchi.

(RTS 22.04.2015)

Share this post

scroll to top
Altro... agricoltura, aziende private, aziende pubbliche, banche, BERS, economia
La “Avala film” verrà acquistata dal consorzio “Filmski put”

Decimata la barbabietola da zucchero, il mais su 30.000 ettari

Chiudi