Il FMI concorda con l’aumento dei salari, lo stipendio minimo passa a 27.000 dinari

Il ministro delle Finanze Sinisa Mali, ha dichiarato oggi che l’aumento degli stipendi nel settore pubblico dal 7 al 12% è sicuro per l’anno prossimo e che è d’accordo anche il Fondo monetario internazionale; con questa dichiarazione ha voluto rispondere alle accuse del Consiglio di bilancio che l’annunciato aumento non è giustificato e realistico, dato che le retribuzioni nel settore pubblico cresceranno due volte più velocemente di quelle privato.

“Io rispetto il parere del Consiglio fiscale, ma abbiamo il consenso del Fondo monetario internazionale. Credo che sia assolutamente realistico andare con un tale aumento dei salari. La nostra politica è di restituire la parte del denaro risparmiato ai cittadini della Serbia”, ha detto Mali per il canale televisivo Prva.

Mali ha ringraziato i pensionati che hanno presentato il maggior onere delle riforme negli ultimi anni.

Vuoi aprire una società in Serbia in pochi giorni? Clicca qui!

“Questo è il momento in cui termina il consolidamento fiscale, le finanze pubbliche si sono stabilizzate e il momento quando ai cittadini serbi vine rimborsata parte di tali risparmi”, dice Mali.

Il ministro delle Finanze ha detto che il bilancio per il 2019 mira a migliorare lo standard di vita dei cittadini della Serbia, e alla domanda su come questo verrà fatto, Mali dice che gran parte del denaro verrà investito nello standard dei cittadini attraverso l’aumento dei salari e delle pensioni. “Abbiamo 35 miliardi di dinari in più per le pensioni per il prossimo anno”, dice Mali.

Il Ministro ricorda che ad ottobre le pensioni, rispetto al 2014, sono passate dall’8 al 13%. Aggiunge che dal 1° gennaio, le retribuzioni del settore pubblico aumenteranno in media dal 7 al 12%, il che fornirà ulteriori 33 miliardi di dinari al bilancio del prossimo anno.

Il ministro indica che il costo minimo del lavoro è stato aumentato a più di 27.000 dinari e che tale misura entrerà in vigore a partire dal 1° gennaio 2019. Inoltre, nel bilancio sono stati definiti più soldi per gli investimenti di capitale, per i quali sono stati assegnati 220 miliardi di dinari, ovvero il 30 % in più rispetto a quest’anno.

Questi soldi saranno destinati a progetti come la costruzione del corridoio Morava, l’autostrada Pozega-Preljina, il completamento della circonvallazione intorno a Belgrado, la superstrada Surcin-Obrenovac …

Il ministro conclude dicendo che il Parlamento serbo difende non solo il bilancio per il 2019, ma anche le 28 leggi fiscali che contiene al suo interno.

http://www.rtv.rs/sr_lat/ekonomija/aktuelno/mmf-saglasan-sa-povecanjem-plata-minimalac-27.000-dinara_970678.html?fbclid=IwAR2OiJCEN1zqV-cfFGHtH5Hg4B34dIPxVP4j7g4uinsE5Zy9rClWE8cZ548

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top