Il festival Beldocs apre a maggio

Quest’anno il Beldocs International Documentary Film Festival ospiterà 98 film in 14 programmi di screening, e si svolgerà dal 7 al 14 maggio in 10 cinema di Belgrado con oltre 100 ospiti ufficiali.

Il Festival Beldocs si terrà nelle seguenti sale: a Sava Center, al Dom Omladine, al Centro Culturale di Belgrado, nel Dom Sindikata, all’Archivio cinematografico jugoslavo, nel Museo dell’archivio cinematografico jugoslavo, nel Museo di arte Contemporanea, al Cinema Fontana, al Centro culturale “Vlada Divljan” e al Cineplexx di Usce.

Le due persone che hanno selezionato i film per il Festival Beldocs di quest’anno, Marko Grba Singh e Igor Stanojevic, sono stati attenti nel scegliere film di stili e argomenti diversi. “Il programma internazionale della competizione è caratterizzato da diversità tematiche e diversi approcci stilistici, così come dal perfetto equilibrio tra registi di fama mondiale come Agnes Varda, Abel Ferrara e Claude Lanzmann e giovani talentuosi debuttanti”, afferma l’art director di Beldocs Marko Grba Singh.

I nove film che saranno presentati nel programma della competizione comprendono cinque anteprime mondiali, oltre alla prima serba del film “4 anni in 10 minuti” (Mladen Kovacevic), che avrà la sua prima mondiale al Visions du Reel Festival di Nyons la prossima settimana.

Il programma del film, che sarà esposto nella vecchia Cineteca, è diviso in tre segmenti: Front Page (temi politici e sociologici), Pianeta Terra (film di natura e antropologia) e Fuochi d’artificio (film su persone e eventi ipnotizzanti).

Il regista austriaco Ulrich Seidl e il regista sloveno Vlado Skafar saranno gli ospiti ufficiali del segmento del festival chiamato “The Retrospective”. Per collegare lo spazio culturale comune delle repubbliche dell’ex Jugoslavia, l’idea è che il festival abbia una retrospettiva di film, dedicata ai registi di questi paesi.

“A partire da quest’anno, presenteremo una nuova selezione di documentari e generi ibridi chiamati Meteors. Le proiezioni avranno luogo nella sala video del Museo d’arte Contemporanea e nella nuova Cineteca. L’ospite speciale di questo segmento sarà il grande regista portoghese João Pedro Rodrigues, noto al pubblico di Belgrado per il suo film “Ornithologist”, presentato al FAF nel 2016 “, ha dichiarato Stanojevic.

“Stiamo anche proiettando dei blockbuster globali come “Kedi “, un documentario sui gatti di Istanbul,  e sensazioni d’autore ” L. Cohen “.  Il nostro criterio principale sarà la qualità. Sebbene il programma di concorrenza internazionale sia estremamente forte quest’anno, c’è un argomento che si diffonde su quasi tutti i film di questo programma che è la crescita. Film come “Of Fathers and Sons” di Talal Derki, “Boli Bana” di Simon Gillard e “Brimstone & Glory” di Viktor Jakovleski, ritraggono situazioni di vita in una famiglia Jihadi, oppure la vita di un bambino all’interno dell’ISIS , o ancora la vita di una famiglia che di mestiere produce fuochi d’artificio in Messico “, aggiunge Stanojevic.

Il programma completo del Festival Beldocs di quest’anno potete trovarlo qui.

(https://www.blic.rs/kultura/vesti/ovo-je-program-beldocs-festivala-98-filmova-u-14-selekcija/880d1sb)

Share this post

scroll to top
More in documentario
Bombardamenti NATO del 1999: in arrivo documentario sugli effetti disastrosi

Close