Il fatturato dei tamponi molecolari in Serbia lo scorso anno è stato di almeno 30 milioni di euro

Secondo un’analisi di “Nova ekonomija”, nel corso del 2020 la Serbia avrebbe speso almeno 3,4 miliardi di dinari, ovvero circa 28,6 milioni di euro, per l’acquisto dei test PCR (molecolari) atti all’individuazione del coronavirus. I tamponi dei produttori cinesi “Sansure e BGI”, nonché quelli dell’americana “Abbott”, sarebbero i più acquistati.

Il fatturato dei tamponi “Sansure” sul territorio della Serbia nel 2020 è stato di 2,34 miliardi di dinari (20 milioni di euro), il fatturato dei test “BGI” è stato di 968 milioni di dinari (8,2 milioni di euro) mentre per i test “Abbott” sono stati spesi 56,4 milioni di dinari (circa 480.400 euro) secondo i dati dell’Agenzia per i medicinali e i dispositivi medici (ALIMS).

Dato che i temponi PCR per il coronavirus dall’inizio della pandemia possono essere eseguiti solo nei laboratori di riferimento statali, si può concludere che i dati sulle forniture si trovino nelle stesse istituzioni. “Nova ekonomija” ha inviato una richiesta di accesso alle informazioni di importanza pubblica a tutti i centri e istituti di sanità pubblica in Serbia, nonché ai centri clinici di Nis e Belgrado, all’Istituto per i biocidi e alla Direzione dei laboratori nazionali di riferimento, ricevendo risposte da oltre 20 istituti, dall’Istituto per la salute pubblica della Serbia “Batut” e dal Centro clinico universitario di Nis.

Alcuni istituti locali non hanno eseguito i test PCR, alcuni non hanno fornito informazioni su quali test hanno utilizzato, ma la maggior parte di loro ha risposto di non avere dati sugli appalti perché condotti dal Fondo di Assicurazione Sanitaria della Repubblica (RFZO), che però ha sottolineato che i dati sono classificati come “top secret”.

Tuttavia, dalle risposte di alcuni centri e istituti locali, si è giunti alla conclusione che quando si parla di test PCR, vengono citate le aziende “BGI, Sansure, Abbott” e anche la turca “Bosphore”, il cui rappresentante è la società nazionale “Labena”, che però non ha registrato un fatturato nel 2020.

https://novaekonomija.rs/vesti-iz-zemlje/promet-pcr-testova-u-srbiji-pro%C5%A1le-godine-najmanje-30-miliona-evra

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top