Il direttore di “Putevi Srbije” e il suo conto in Svizzera

Il Presidente della Serbia, Aleksandar Vučić, ha dichiarato che il direttore di “Putevi Srbije”, Zoran Drobnjak, aveva aperto un conto e trasferito del denaro in Svizzera durante l’ex governo, negli anni 2006-2008, e che ora le autorità competenti indagheranno su come abbia guadagnato quei soldi e li abbia trasferiti in Svizzera.

“Drobnjak oggi non ha i soldi che, ad esempio aveva nel 2006 o nel 2008, tempi di furti e rapine generali; a quel tempo Drobnjak ha preso non so quante centinaia di migliaia di euro e li ha messi lì”, ha detto Vučić, rispondendo alla richiesta dei giornalisti di commentare le accuse della Banca Nazionale serba (NBS), secondo la quale Drobnjak non aveva chiesto loro l’approvazione per aprire quel conto.

Vučić ha inviato una richiesta alla “NBS” di pubblicare i dati sulla data esatta del trasferimento di quel denaro sui conti svizzeri e ha detto che Drobnjak deve spiegare come ha guadagnato quei soldi in quel momento. Ha aggiunto di essere sicuro che, come dice, le autorità competenti gli chiederanno insieme a chi abbia agito. “Chi dal governo gli abbia permesso di guadagnare in quel modo e di mettere quel denaro nelle banche svizzere”, ha aggiunto Vucic, affermando che è successo durante il governo di Dragan Djilas, Vuk Jeremic e altri.

Decine di nomi di politici e uomini d’affari attuali ed ex protagonisti appaiono nei dati trapelati dalla banca “Credit Suisse”; nell’indagine coordinata, simile ai “Panama Papers”, ci sono anche uomini d’affari serbi. Secondo il rapporto, che ha reso note le procedure interne della banca, sono stati svelati i dettagli dei conti di circa 30.000 clienti della “Credit Suisse” nel mondo, per un valore di oltre 100 miliardi di franchi svizzeri (circa 96 miliardi di euro). Si è visto che la “Credit Suisse” ha aperto o mantenuto conti bancari a numerosi clienti ad alto rischio in tutto il mondo.

L’agenzia “KRIK” ha appreso che il direttore di “Putevi Srbije”, Zoran Drobnjak, aveva poco più di mezzo milione di franchi svizzeri, ovvero più di 300.000 euro, in un conto segreto presso la banca “Credit Suisse” in Svizzera a metà del 2008. Drobnjak avrebbe anche permesso all’uomo d’affari Radovan Marinkovic, proprietario di “Centrolek e Minnex Trading Corporation”, di avere accesso al suo denaro.

https://www.euronews.rs/srbija/aktuelno/39151/vucic-drobnjak-ce-morati-da-objasni-odakle-mu-novac-koji-je-imao-na-racunu-u-svajcarskoj-banci/vest

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top