Il deficit commerciale estero della Serbia cresce del 17%

Il commercio estero complessivo della Serbia è aumentato del 7,9% nel periodo gennaio-agosto rispetto allo stesso periodo del 2018, ha affermato l’Ufficio statistico statale.

Il valore del commercio estero del Paese è stato di 20,07 miliardi di euro con 8,58 miliardi di euro in esportazioni (un aumento del 6,7%) e 11,49 miliardi di euro in importazioni (un aumento del 9,1%), secondo un comunicato stampa che aggiunge che il deficit è pari a 2,9 miliardi di euro, in aumento del 17% rispetto allo stesso periodo del 2018.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

La produzione industriale è cresciuta dello 0,5% in agosto rispetto allo stesso mese dell’anno precedente e è diminuita dell’1% nel periodo gennaio-agosto rispetto allo stesso periodo del 2018.

La produzione industriale ha inoltre mostrato una crescita in 13 gruppi di produzione e un declino in 16, ha affermato l’Ufficio Statistico.

La Vojvodina detiene la quota maggiore nelle esportazioni serbe (34,2%) e Belgrado ha la quota maggiore nelle importazioni (47,0%). Gli Stati membri dell’Unione Europea rappresentano il 63,5% del commercio totale. Il principale partner commerciale della Serbia, se guardiamo ai Paesi, è la Germania sia dal lato dell’importazione che da quello dell’esportazione. Nel periodo in esame, la Serbia ha esportato merci per 1,08 miliardi di euro in Germania e ne ha importate per un valore di 1,46 miliardi di euro.

Il secondo partner commerciale estero più importante sono i Paesi CEFTA, con i quali la Serbia ha registrato un surplus di 956,7 milioni di euro nella prima metà dell’anno. I membri del CEFTA hanno infatti importato merci per 1,41 miliardi di euro dalla Serbia ed esportato merci per 456,3 milioni verso la Serbia. Il rapporto esportazione-importazione è del 309,7%.

La Serbia ha registrato il maggior surplus negli scambi con i Paesi della regione: Montenegro, Bosnia Erzegovina e Macedonia del Nord, nonché con Romania, Slovacchia, Gran Bretagna, Croazia, Bulgaria, Slovenia e Svezia.

La Serbia ha invece registrato il maggiore disavanzo commerciale con la Cina e la Federazione russa, nonché con Germania, Turchia, Polonia, Ungheria, Stati Uniti, Francia, Belgio, Ucraina, Armenia, Svizzera, Danimarca e Spagna.

https://www.b92.net/biz/vesti/srbija.php?yyyy=2019&mm=08&dd=01&nav_id=1572300

Share this post

scroll to top
Altro... CEFTA, Deficit, Germania, import export, produzione industriale
Per il Ministro Ljajic la Serbia non entrerà nell’Unione Eurasiatica, ma firmerà solo un accordo di libero scambio

Circa 120.000 auto usate vengono importate in Serbia ogni anno

Chiudi