Il contratto di concessione dell’aereoporto di Belgrado pubblico a settembre

Tutti i cittadini della Serbia che hanno ottenuto ciascuno un azione gratuita dell’aereoporto  Nikola Tesla di Belgrado, e che nel frattempo non l’abbiano venduta, hanno diritto al dividendo in  base al pagamento dei diritti di concessione versati da Vinci Airports, così come al dividendo nel corso dei 25 anni di concessione, a seconda dei risultati dell’aeroporto, hanno riferito a Tanjug fonti dal governo serbo..

Con il contratto di concessione pubblica, come spiegato in una risposta scritta del Governo, la proprietà del capitale dell’aereoporto Nikola Tesla non viene trasferito, né il concessionario acquisisce il diritto a disporre delle azioni dello scalo, e agli azionisti  durante il periodo della concessione l’aereoporto Nikola Tesla dovrebbe pagare i profitti sotto forma di dividendi sulla base di quanto deliberato dall’assemblea degli azionisti.

Il concessionario dell’Aeroporto di Belgrado, Vinci Aeroports, ha offerto un canone di concessione una tantum per un importo di 501 milioni di euro, con il pagamento  alla Repubblica di Serbia 417 milioni di euro e ai piccoli azionisti 84 milioni.  Il canone di concessione annuo verrà distribuito anche alla Repubblica di Serbia e ai piccoli azionisti attraverso dividendi per azione di ogni anno – precisano quelli del governo, ma sottolineano che “gli azionisti in possesso di azioni della società non hanno diritto alla riscossione del canone di concessione, ma al dividendo sui profitti che la società per azioni Aerodrom Nikola Tesla Beograd realizzerà”. Come riportano, i canoni di concessione (una tantum e annuali) rappresentano le entrate per l’aeroporto Nikola Tesla, e agli azionisti sarà per tutta la durata della concessione verrà riconosciuto un dividendo come deciso dall’assemblea degli azionisti. I dividendi su azioni sono pagati agli azionisti in conformità con i diritti derivanti dalle azioni detenute nel giorno del dividendo.  Il giorno del dividendo è il 31 dicembre dell’anno in relazione al quale il profitto è distribuito ed è determinato dallo Statuto dellasocietà per azioni Nikola Tesla Airport Belgrade. In conformità con lo statuto la società può pagare un acconto sul dividendo in qualsiasi momento tra le sessioni ordinarie dell’Assemblea, se saranno soddisfatte le condizioni previste dalla legge e in base ai ricavi realizzati e raccolti. Il diritto a un acconto sul dividendo è detenuto dagli azionisti il ​​giorno dell’acconto sul dividendo – indicato nella risposta. Il governo ricorda che i piccoli azionisti a ricevereranno il dividendo per il 2017 e del dividendo per il 2018 sulla base dei risultati di aeroporto Nikola Tesla, che, come sottolineano, rimane l’operatore dell’aeroporto e continua con le attività regolari per trasferire la licenza al concessionario del gestore dell’aeroporto.

Secondo gli ultimi dati del Central Securities Depository, 3.297.810 azioni di questa società serba sono di proprietà di privati azionisti, il 9,6% del totale delle azioni.

Secondo il “Blic”, i cittadini della Serbia  dalla concessione dell’Aeroporto possono contare  di ottenere 1.468 dinari per azione, e se sono trattenute anche le altre azioni e i dividendi non sono stati prelevati,  possono aspettarsi 11.335 dinari.

Accordo di concessione con i cittadini a settembre

Il contratto sulla concessione ai francese della gestione aeroportuale Vinci dell’Aeroporto Nikola Tesla verrà reso pubblico dopo la chiusura finanziaria della transazione, ovvero del pagamento del canone di concessione, prevista nel mese di settembre. “Aeroporti Vinci ha concordato con il Governo della Repubblica di Serbia nel voler presentare al pubblico l’intero accordo con tutti gli allegati, e ha dimostrato la volontà di farlo in tutti i settori, ad eccezione per le parti che contengono segreti commerciali e il loro know-how, così come le condizioni di business commerciali durante i 25 anni della concessione , perché la loro divulgazione influenzerebbe la loro competitività nell’attuazione del contratto – dice il governo per Tanjug.

Il diritto di Vinci ad avere segreti commerciali è, come si suol dire, previsto dal contratto stesso. “Solo al raggiungimento della chiusura finanziaria della transazione – il trasferimento del certificato del gestore aeroportuale e il pagamento del canone di concessione, che è prevista per settembre 2018, la divulgazione dei contratti sarà possibile”  viene esplicitato in unarisposta scritta del Governo.

Come sottolineato, i contratti pubblici vengono registrati nel registro dei contratti pubblici, sotto la guida del ministero responsabile delle finanze, come un unico database elettronico sul portale degli appalti pubblici.

(http://rs.seebiz.eu/ugovor-o-koncesiji-aerodroma-nikola-tesla-bice-obelodanjen-u-septembru/ar-172878/)

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Read previous post:
bombing
La NATO ha sganciato in Serbia 6 tonnellate di uranio

Stefanovic: “Rimpasto di governo concluso entro un mese”

Close