Il Consiglio Fiscale critica il bilancio proposto per il 2019

Il Presidente del Consiglio Fiscale, Pavle Petrovic, ha dichiarato oggi che è un bene che il deficit di quest’anno sia basso e che il bilancio proposto per il 2019 sia bilanciato con le spese e i ricavi quasi uguali, ma ha criticato l’aumento delle risorse per l’acquisto di attrezzature per l’esercito e la polizia e l’aumento dei salari per i dipendenti del settore pubblico.

“Questo significa una consapevole riduzione della crescita economica”, ritiene il presidente del Consiglio Fiscale Pavle Petrovic.

Esso ritiene che il governo avrebbe dovuto aumentare i fondi nel 2019 per gli investimenti di capitale nelle infrastrutture e nella protezione ambientale.

Non nega di essere contento che il bilancio proposto per il 2019 sia equilibrato con spese e ricavi approssimativamente uguali. Il basso deficit, dice Petrovic, porterà ad un’ulteriore riduzione del debito pubblico dall’attuale 54% del PIL a circa il 51,5% del PIL alla fine del 2019.

Vuoi aprire una società in Serbia in pochi giorni? Clicca qui!

Il Consiglio Fiscale ritiene che nel bilancio per il prossimo anno ci sia una crescita più elevata del salario netto medio nel settore pubblico rispetto alla crescita economicamente giustificata, e così dice Petrovic, gli stipendi nel settore pubblico aumenteranno del 9%, cioè il doppio di quanto cresceranno i salari del settore settore privato.

Petrovic ha dichiarato che il governo ha deciso di ridurre il carico fiscale sulle retribuzioni dal 63% al 62%, mentre il Consiglio Fiscale aveva proposto una riduzione al 60%.

Sottolinea che il deficit di base del bilancio è la mancanza di investimenti, che ostacola una crescita futura del paeese, anche se c’è stato spazio per il loro aumento.

La nostra infrastruttura stradale è del 20% peggio rispetto all’infrastrutture della regione e le ferrovie del 40%.

“Molti ritengono che ci siano già troppe autostrade ma la realtà è che ne abbiamo un terzo in meno rispetto alla Croazia, alla Slovenia o all’Ungheria. Le ferrovie non sono elettrificate, i treni non superano la velocità di 60 chilometri all’ora”, ha detto Petrovic, aggiungendo che gli investimenti sono il modo giusto per stimolare la crescita economica.

Ha avvertito che la Serbia è in ritardo con gli investimenti nella protezione ambientale ed è uno dei paesi più inquinati in Europa. Il problema chiave, afferma Petrovic, è la bassa crescita economica, che è inferiore del 50% rispetto ai paesi dell’Europa centrale e orientale.

https://www.blic.rs/biznis/vesti/fiskalni-savet-kritikovao-predlozeni-budzet-umesto-za-autoputeve-veca-sredstva-za/r4m8z1k?fbclid=IwAR3Wnl_IVelLhAmM4vBIFYFwhvl8xEJX7VAOPj19gi_S4AmZD5FJ2IJ8q-k

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top