Il calo del PIL in Serbia sarà quest’anno il più basso d’Europa

La Serbia registrerà quest’anno il calo più contenuto del PIL rispetto a tutti gli Stati membri e ai Paesi della regione dei Balcani occidentali, si legge nella conclusione dell’ultima previsione economica della Commissione europea, pubblicata l’altro ieri a Bruxelles.

Il calo previsto del PIL per la Serbia, entro la fine di quest’anno, sarà dell’1,8%. Si tratta di un miglioramento rispetto alle previsioni, quando la Commissione prevedeva un calo del 4,1% nel 2020. Per il 2021 la Commissione prevede per il Paese balcanico una crescita del 4,8% del PIL, mentre nel 2022 è prevista una crescita del 3,8.

Scopri quali sono stati i principali investimenti esteri in Serbia nel 2019: clicca qui!

La CE stima che il debito pubblico della Serbia nel 2020 ammonterà al 61,5% del PIL, mentre per il 2021 è previsto un importo ridotto del 60,7% e del 59,6% nel 2022.

A Bruxelles, si prevede inoltre che il tasso di disoccupazione quest’anno sarà del 9,3% in Serbia, del 9,6% nel 2021 e del 9% nel 2022.

https://www.novosti.rs/vesti/ekonomija/932817/srbija-najmanji-pad-bdp-novi-zakljucak-evropske-komisije

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
Altro... CE, debito pubblico, PIL
Minić: “Il governo serbo non ha credibilità né qui né all’estero”

Djilas: “Il debito della Serbia è di 27 miliardi e lo Stato ne vuole aggiungere altri 23,5”

Chiudi