Il business sostenibile cambierà le richieste del mercato del lavoro

Uno degli imperativi delle imprese moderne è diventato l’impegno per lo sviluppo sostenibile. Secondo una delle definizioni, lo sviluppo sostenibile può essere spiegato come “uno sviluppo economico, tecnologico, sociale e culturale integrale, allineato con le esigenze di protezione dell’ambiente, che consente alle generazioni attuali e future di soddisfare i propri bisogni e migliorare la qualità della vita sul nostro pianeta.”

“Di conseguenza, l’educazione allo sviluppo sostenibile è un concetto creato come risposta alle sfide dello sviluppo della società moderna. È uno dei meccanismi chiave che dovrebbe garantire uno “sviluppo che soddisfi le esigenze del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri bisogni”, afferma la professoressa Lidija Barjaktarović, preside della Facoltà di Economia dell’Università Singidunum.

La professoressa aggiunge che le istituzioni accademiche dovrebbero aiutare gli studenti a costruire atteggiamenti e valori basati sui principi dello sviluppo sostenibile e a comportarsi di conseguenza. “Ciò significa che gli studenti devono essere preparati al concetto di apprendimento permanente. Numerose analisi condotte dimostrano che la generazione Z ha un livello di consapevolezza estremamente elevato riguardo agli investimenti sostenibili e al consumo di prodotti che hanno un impatto positivo sull’ambiente o sulla comunità sociale. Si aspettano inoltre che le aziende si occupino di importanti questioni sociali e ambientali”, sottolinea il professor Barjaktarević.

La consulente aziendale Biljana Lazarević afferma che alcuni Paesi asiatici, come il Giappone, l’India, le Filippine, la Cina e Taiwan, stanno investendo da anni nell’introduzione di innovazioni sostenibili nell’istruzione superiore: “Abbiamo bisogno di formare personale adeguato, cioè risorse umane che rispondano adeguatamente alle esigenze dell’economia e della società. Il progetto Tempus denominato Careers dimostra che i nostri studenti in genere non hanno l’opportunità di applicare praticamente le conoscenze acquisite nelle aziende durante gli studi. Il concetto di base della sostenibilità è l’applicazione delle conoscenze”, ritiene Lazarević.

Il presidente onorario dell’Unione dei datori di lavoro della Serbia, Nebojša Atanacković, ritiene che la cosa più importante nella scelta di un candidato al lavoro sia la capacità del lavoratore di adattarsi ai processi lavorativi il prima possibile: “Per i datori di lavoro è più vantaggioso assumere un lavoratore esperto che inizi immediatamente a lavorare senza dover seguire una formazione aggiuntiva, cosa che non accade con i giovani che hanno appena terminato l’università o la scuola superiore e che quindi non hanno molta pratica. L’esperienza passata ha dimostrato che nei lavori che richiedono conoscenze specifiche, i lavoratori con esperienza fanno meglio, cioè quelli che possiedono già le conoscenze e il loro periodo di adattamento è breve. Spesso la loro produttività è incomparabilmente migliore”, sottolinea Atanacković.

“Le università devono operare in conformità con i concetti di sviluppo sostenibile in materia di ambiente, responsabilità sociale e corporate governance, il cosiddetto ESG. Lo sviluppo sostenibile deve essere inteso come un tentativo di agire a livello globale armonizzando i tre pilastri della sostenibilità: economico, ambientale e sociale. L’istruzione superiore dovrebbe svolgere il ruolo principale ed essere il principale supporto nel raggiungimento della sostenibilità”, afferma il consulente aziendale Veljko Davidović.

(Biznis.rs, 11.02.2024)

https://biznis.rs/biznis/bolji-posao/odrzivo-poslovanje-promenice-i-zahteve-trzista-rada/

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll to top
× Thinking to invest in Serbia? Ask us!