Il boom della birra prodotta in Serbia

La Serbia è il secondo maggiore esportatore di birra verso i paesi dell’Unione europea.

Solo nel 2016, secondo i dati dell’analisi “L’impatto economico del settore della birra in Serbia”, la Serbia ha esportato oltre 1,2 milioni di ettolitri di birra per un importo di 41.58 milioni di euro.

 Tuttavia, con un consumo medio di 61 litri pro capite, la Serbia è al di sotto della media europea di 69 litri.

 Come riporta il giornale “Novosti”, Rebeka Bozovic, direttrice dell’Associazione dei produttori di birra in Serbia, ha ricordato che con 48 milioni di litri la Serbia rappresenta il 12 % delle importazioni di birra nei paesi dell’Unione, “i consumatori nel nostro paese possono essere sicuri di bere birra di qualità, fatta con i migliori prodotti locali”.

“Le birrerie in Serbia rappresentano l’89 % degli acquisti, ovvero 119 milioni di euro sono stati spesi nel nostro paese per produrre birra”, spiega Rebeka Bozovic e aggiunge “l’ingrediente agricolo più importante è il malto d’orzo, e viene acquistato in Serbia al 98%. Per la prima volta appare anche la fornitura di luppolo, che è un incentivo per lo sviluppo dell’agricoltura serba”.

 L’Unione europea produce quasi 81 litri di birra pro capite e una bottiglia su cinque è riempita in Germania. Le più grandi fabbriche di birra serbe, sono riunite all’interno dell’Associazione delle fabbriche di birra, e coprono oltre il 95% del mercato nazionale e sono leader di un business sostenibile e responsabile, sottolinea la nostra interlocutrice.

 “Il settore della birra nel nostro paese è guidato da tre società – “Carlsberg Serbia”, “Heineken” e “ Molson Coors”, con una quota di mercato complessiva di oltre il 95%”, afferma la Bozovic. “La Maltinex produce malto di birra prodotto al 100 % con orzo coltivato in Serbia. In aggiunta a queste fabbriche di birra, ci sono tre fabbriche sempre importanti ma più piccole : BIP, birrificio di Valjevo e birrificio di Nis e 20 microbirrerie. Il settore della birra produce circa 40 diversi tipi di birra. Il nostro mercato è certamente diventato più diversificato, con sapori più raffinatii”, afferma la Bozovic.



I consumatori ormai si sono abituati ad una vasta gamma di sapori e nuove combinazioni.

“La pienezza di sapore e l’intensità dall’aroma provengono dal malto di qualità e dagli ingredienti naturali selezionati con amore”, ci ha detto Kosara Dangic Melentijevic, fondatrice della birreria “Kabinet”. 

Secondo la Melentijevic, si sta costruendo un rapporto diverso con la birra come prodotto, si cerca più la qualità che la quantità di birra. Nella Fabbrica di birra “Kabinet” sono stati prodotti circa 70 diversi tipi di birra esportati in oltre 25 paesi.

L’occupazione totale legata alla produzione nella nostra industria della birra è di 16.500 posti di lavoro, e nella catena di produzione e distribuzione, ogni dipendente crea 8,51 nuovi posti di lavoro, ha spiegato la nostra ‘interlocutrice Rebeka Bozovic.

 “I membri della Associazione dei produttori di birra serba nel 2016 attraverso accise, tasse e contributi al bilancio hanno pagato 226 milioni di euro” conclude la Bozovic.

http://www.novosti.rs/vesti/naslovna/ekonomija/aktuelno.239.html:744721-SRBIJA-POSTAJE-ZEMLjA-PIVA-Izvozimo-48-miliona-litara-nadiru-male-pivare

Illustrazione: Tošo Borković

This post is also available in: English

Share this post

scroll to top
More in birra
Birra artigianale, laboratori e osservazione dell’eclissi lunare a Belgrado e a Novi Sad

oktoberfest
Tutto pronto per l’Oktoberfest 2017 a Novi Sad

Close