Il 42% dei cittadini serbi crede nel paradiso e nell’inferno, il 51% nella vita dopo la morte

Perché i serbi dichiarano di essere credenti in percentuale così alta? O almeno perché lo fanno quelli che non vanno in chiesa o non credono nell’istituzione. Tutti coloro che affermano che molti nella regione sono dei “falsi credenti” dovrebbero prestare attenzione a ciò che è accaduto per le strade delle città montenegrine negli ultimi mesi…

Secondo un censimento del 2011, l’84,5% dei residenti serbi si era dichiarato ortodosso. Il “Pew Research Center” sette anni dopo ha scoperto che il 58% della popolazione totale della Serbia crede in Dio.

Scopri i principali investimenti esteri in Serbia nel 2018: clicca qui!

Lo stesso Centro, da uno studio nuovo del 2019, ha ricavato altre informazioni che Zorica Kuburic, professore alla Facoltà di Filosofia di Novi Sad, prende in esame:

“Durante la ricerca è stata posta la domanda: “Perché obbedisci ai comandamenti di Dio?” Il 29% ha detto per amore di Dio, il 17% per paura di essere punito da Dio, mentre il 7% nella speranza di ricevere un premio da Dio. Il 51% degli intervistati crede nella vita dopo la morte e il 42% crede nel paradiso. Nella risurrezione crede invece il 47%”.

Tuttavia, non sembra realistico che le persone in Montenegro siano scese in strada perché si aspettano una ricompensa da Dio o hanno paura della sua punizione. Questa è un’indicazione di quanta energia, passiva, porti con sé la religione tra i serbi.

Photo credits: “Igor Pavićević”

U raj i pakao veruje 42 odsto građana Srbije, u život posle smrti 51 odsto: Veliko istraživanje o veri u novom Nedeljniku

This post is also available in: English

Share this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

scroll to top